Akragas, si torna in campo contro il Monopoli ma la testa è in Iran

Giuseppe Castaldo

Agrigento

Akragas, si torna in campo contro il Monopoli ma la testa è in Iran

Pubblicato il Gen 21, 2018
Akragas, si torna in campo contro il Monopoli ma la testa è in Iran

Dopo quasi un mese di stop del campionato di Serie C si torna a respirare aria di calcio giocato. L’Akragas, ultima in classifica e al centro di una trattativa per il passaggio di proprietà, deve tornare alla vittoria – che manca dal 3 dicembre scorso – per rimanere aggrappata alle squadre di coda. Avversario di turno è il Monopoli di mister Scienza: una squadra che staziona a metà classifica che dovrà a fare a meno dell’attaccante Michele Paolucci (risoluzione del contratto) e del centrale Andrea Lobosco, ceduto alla Fidelis Andria. Negli agrigentini ,invece, non si è verificato quella migrazione di giocatori che sembrava cosa certa: Salvemini, Longo e Vono – tra i più appetibili – sono rimasti ad Agrigento a differenza di Antonio Sepe che, dopo un anno e mezzo, si accasa al Catanzaro (con qualche polemica dopo le sue prime parole con la nuova squadra). Mister Di Napoli per la sfida di oggi pomeriggio, che si giocherà sul neutro di Siracusa alle 14.30, ha a disposizione tutti gli effettivi ad esclusione di Mileto (squalificato). I tre punti devono essere un obiettivo per il “Gigante” che guarderebbe con maggiore fiducia – e anche con più ossigeno – i futuri impegni. Arbitra la sfida del “De Simone”  il sigg. Davide Miele della sezione di Torino coadiuvato dagli assistenti, sigg. Pasquale Alessandro Netti di Napoli e Mario Berger di Pinerolo. Intanto – sul versante societario – si continua a perseguire la strategia del silenzio: bocche cucite tra i vertici agrigentini sulla trattativa con il gruppo imprenditoriale di Theran. Una risposta era attesa per la settimana scorsa che non è arrivata ma non per questo segnale negativo. Le dirigenze hanno tenuto stretti contatti con una probabile spedizione agrigentina in Iran – magari per mettere nero su bianco – che potrebbe verificarsi già lunedì.


Dal Web


  • Agrigento

    La Valle tra i palazzi. Firetto: “Parole e immagini che offendono la città e gli agrigentini”

    Pubblicato il 17 02 2018

    "All'assalto dell'arte e del paesaggio? Parole e immagini che offendono la città e gli agrigentini. Parole graffianti e immagini artate, vecchie di vent'anni, che avevamo archiviato tra le cose da dimenticare". Cosi il sindaco Lillo Firetto, in merito alla foto-scandalo che ritrae la Valle..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Racalmuto, pensionato scomparso. “Chi l’ha visto” si occupa del caso

    Pubblicato il 17 02 2018

    E' passato un mese e ancora non si hanno notizie sulla scomparsa del pensionato racalmutese, Giuseppe Alaimo. Le indagini stanno continuando e la Procura di Agrigento, ha aperto un fascicolo. Tutte le ipotesi sono in piedi, anche quella di allontanamento volontario. Nel frattempo del caso si sta o..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Come parlano i mafiosi?

    Pubblicato il 17 02 2018

    Il linguaggio mafioso da sempre è stato uno dei fenomeni analizzati e studiati da diversi ambiti di ricerca, sociologia, politica, antropologia, economia e storia. Ma pochi sono gli studi che si occupano in maniera specifica del linguaggio su cui si regge l’intero sistema comunicativo della mafia..

    Continua a Leggere

  • Agrigento

    Aveva terrorizzato molti commercianti: in carcere rapinatore seriale

    Pubblicato il 17 02 2018

    I Carabinieri della Compagnia di Paternò hanno arrestato il 25enne Mirko Natale Fusto del posto, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Catania. Le indagini, svolte dai militari del Nucleo Operativo, iniziarono dal suo arresto in flagranza avvenuto nel 2013 subito..

    Continua a Leggere

  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361