Algerini, tunisini e libici, ne sbarcano 48 a Porto Empedocle

Redazione

Porto Empedocle

Algerini, tunisini e libici, ne sbarcano 48 a Porto Empedocle

di Redazione
Pubblicato il Lug 7, 2017
Algerini, tunisini e libici, ne sbarcano 48 a Porto Empedocle

Si comunica che alle ore 11:45 circa sono terminate a Porto Empedocle (AG) le operazioni di sbarco, coordinate dalla Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Porto Empedocle, di 48 migranti (43 uomini, 4 donne e 1 bambino) di nazionalità Libica, Algerina e Tunisina.

I migranti, soccorsi nelle acque antistanti il Porto di Licata, sono sbarcati alla banchina Todaro alle ore 11:10 di oggi dalle MMVV della Guardia Costiera CP 860 e CP 819.

L’attività di soccorso è iniziata allorquando alle ore 03:39 circa gli stessi occupanti del barcone hanno richiesto soccorso senza, tuttavia, indicare una posizione certa in prossimità della costa agrigentina.

Pertanto, la Sala Operativa di questo Comando nel tentativo di rintracciare i migranti ha impiegato 3 unità navali: in particolare la M/V 860 e la M/V 771 dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Licata e la M/V 819 della Capitaneria di Porto di Porto Empedocle.

Alle ore 06:55 i migranti sono stati rintracciati a 17 miglia a sud di Licata e su disposizione della Prefettura di Agrigento condotti al porto di Porto Empedocle.

I militari della Guardia Costiera hanno fornito assistenza al dispositivo delle forze di polizia, degli operatori socio-sanitari e della Croce Rossa Italiana, coordinato dall’Autorità di P.S. , dopo il nulla-osta allo sbarco da parte dell’Ufficio di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera – sono stati affidati per gli adempimenti di rito ed il successivo trasferimento presso idonee strutture.


Dal Web


  • Porto Empedocle

    Operazione Montagna, l’intervista al colonnello Giovanni Pellegrino

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/lAATr-r11Ss..

    Continua a Leggere

  • Porto Empedocle

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Porto Empedocle

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Porto Empedocle

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Porto Empedocle

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Porto Empedocle

    Incidente mortale tra Aragona e Favara, agrigentino assolto da accuse

    Pubblicato il 22 01 2018

    “Assolto perché il fatto non costituisce reato”: è il dispositivo della sentenza pronunciato dalla VI Sezione Penale della Corte di Appello di Palermo nei confronti di M.C., che in primo grado aveva subito una condanna dal Tribunale di Agrigento a 9 mesi di reclusione. L’uomo era stato riten..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361