Agrigento

Arresti ad Agrigento, conferenza stampa della Procura: indagine “Duty Free” ancora in corso

E’ ancora in corso la conferenza stampa di questa mattina che sta illustrando i particolari e i dettagli dell’indagine che ha portato ad una serie di arresti e provvedimenti ad Agrigento.

Presenti i vertici della Guardia di Finanza che eseguito quindici misure cautelari nell’ambito di un’inchiesta che ipotizza un giro di tangenti legate alle pratiche dell’Agenzia delle Entrate, e quelli della Procura della Repubblica, il capo della stessa, Renato Di Natale, l’aggiunto Ignazio Fonzo e il  pm Andrea Maggioni.

 

Il primo ad intervenire è stato il procuratore capo Di Natale che ha spiegato bene i il quadro dell’operazione denominata “Duty Free”. Il procuratore si meraviglia in negativo della situazione di chi, come l’Agenzia delle Entrate, deve controllare e far applicare la legalità e che invece, nel caso specifico, faceva il contrario.

Dopo il procuratore capo Di Natale ha preso la parola l’aggiunto Ignazio Fonzo che ha invece spiegato le ipotesi di reato mettendo in evidenza come le indagini siano ancora in corso, indagini che lasciano presagire  risvolti e sviluppi.

Il pm Andrea Maggioni ha invece esaltato il lavoro svolto dalla Guardia di Finanza che ha svolto “un incredibile lavoro” utilizzando 7-8 uomini che si sono sacrificati 24 ore su 24 e che ha porato alla riuscita dell’operazione.

Tra i reati contestati, a vario titolo, la corruzione e il falso materiale e ideologico compiuto da un pubblico ufficiale. Quattro le persone finite in carcere, sette sono state poste ai domiciliari con l’obbligo del braccialetto elettronico, due i destinatari dell’obbligo di firma, due medici sono stati sottoposti al divieto temporaneo di esercizio della professione.

Ecco, nello specifico, le misure adottate nei confronti degli indagati:

  1. Vetro Antonio, sottoposto alla custodia cautelare in carcere;
  2. Tascarella Vincenzo, sottoposto alla custodia cautelare in carcere;
  3. Cumbo Giuseppe; sottoposto alla custodia cautelare in carcere;
  4. Castronovo Giuseppe, sottoposto alla custodia cautelare in carcere;
  5. Leto Pietro Pasquale, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico;
  6. Ciaravella Filippo, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico;
  7. La Porta Salvatore, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico;
  8. Campione Marco, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico;
  9. Daina Michele, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico;
  10. Migliaccio Antonino, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico;
  11. Peretti Dario, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico;
  12. Leto Francesca, sottoposta all’obbligo di presentazione alla P.G Carabinieri di Agrigento;
  13. Callea Piera, sottoposta all’obbligo di presentazione alla P.G Carabinieri di Agrigento;
  14. Crapanzano Giovanni, sottoposto al divieto temporaneo di esercizio della professione medica per otto mesi;
  15. Pitruzzella Santo, sottoposto al divieto temporaneo di esercizio della professione medica per sei mesi.
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top