Attentato dell’Addaura a Falcone, pentito rivela: “Esplosivo da Jugoslavia”

Attentato dell’Addaura a Falcone, pentito rivela: “Esplosivo da Jugoslavia”

374 views
0
SHARE
Il Tribunale di Caltanissetta

L’esplosivo utilizzato per il fallito attentato contro il giudice Giovanni falcone all’Addaura, sarebbe stato trasportato da Gela (Caltanissetta) e custodito in un covo di Bagheria (Palermo), da Calogero Pulci su mandato del capo indiscusso di Cosa nostra del nisseno, Giuseppe ‘Piddu’ Madonia. Lo ha sostenuto oggi lo stesso Pulci, ex collaboratore di giustizia, deponendo in veste d’imputato di calunnia al processo “Borsellino quater” in corso davanti alla Corte d’assise diCaltanissetta. “Quell’esplosivo -ha affermato Pulci- proveniva dalla Jugoslavia. Madonia mi raccomando’ la massima prudenza considerato che non eravamo soli”. Pulci, originario di Sommatino, ripercorrendo la sua vita e in particolare la sua carriera da mafioso, ha detto che fu affiliato a Cosa nostra nel 1984. Era lui ad occuparsi della latitanza di ‘Piddu’ Madonia.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *