Bimba molestata a San Biagio Platani: l’accusato non risponde alle domande

Bimba molestata a San Biagio Platani: l’accusato non risponde alle domande

0
SHARE
Tribunale di Agrigento

Ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere il pensionato di  73 anni, Benito Timineri,  arrestato dai carabinieri, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari firmata dal Gip del Tribunale di Agrigento Alfonso Malato, per violenza sessuale su una bambina che, all’epoca dei fatti nel 2012-2013, aveva 8 anni. Nella vicenda coinvolta anche una donna di  36 anni G. C., accusata, in concorso con l’anziano, dello stesso reato.

Ieri nell’interrogatorio di garanzia, presso il tribunale di Agrigento, l’uomo, davanti al giudice Alfonso Malato e al pm Salvatore Vella, non ha voluto rispondere alle domande.

In questa vicenda, secondo l’accusa, tutto si sarebbe verificato a San Biagio Platani. Le indagini sono scaturite dalla denuncia del personale di una comunità per minorenni dove la bimba era ospite. La piccola ha raccontato tutto anche ai carabinieri e al pubblico ministero Salvatore Vella che ha coordinato l’inchiesta, ed ha riconosciuto i luoghi e il mezzo agricolo a bordo del quale veniva toccata e molestata dall’anziano. Ma c’è di più in questa orribile storia. La bimba da subito aveva raccontato i fatti anche ai suoi familiari, che invece di tutelarla però l’avevano picchiata e continuavano a percuoterla ogni volta che voleva rivelare quello che il “vecchio” la costringeva a fare.

Le indagini, chiuse in poco più di sei mesi, hanno consentito di sottoporre a misura cautelare gli indagati, in modo da impedire che gli stessi potessero ripetere le gravi condotte di violenza sessuale nei confronti di altre bambine. E’ emerso, infatti, che in passato l’indagato Timineri avesse compiuto altre violenze sessuali nei confronti di almeno un’altra bambina, fatti che allora non erano stati denunciati dalla giovane vittima.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY