Blitz “Bingo”, giro di cocaina e pusher minorenni: 8 arresti (ft e...

Blitz “Bingo”, giro di cocaina e pusher minorenni: 8 arresti (ft e vd)

0
SHARE
Tiziano Russo, Alfio Bonarrigo, Giuseppe Biondi,Salvatore Platania, sotto, Salvò Calì, Leonardo Cardillo, Alessandro Liotta, Fabio Alfio Pagano

Otto persone arrestate (7 in carcere, una ai domiciliari), per associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di droga ad Adrano, dal Norm della Compagnia carabinieri di Giarre, coordinati dalla Procura di Catania.

Si tratta di Alfio Bonarrigo, 29 anni, rintracciato in Emilia e rinchiuso nel carcere di Bologna, Fabio Alfio Pagano, 35 anni, preso in provincia di Messina e condotto nel carcere di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono stati rinchiusi a Piazza Lanza Giuseppe Biondi di 28 anni, Leonardo Cardillo, classe 1995, Alessandro Liotta, 41 anni e Tiziano Russo di 24, che si trovava agli arresti domiciliari. Era già detenuto nel carcere di Giarre, Salvatore Platania, 36 anni, mentre per Salvo Cali’ di 24 anni sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Fermato un fiorente traffico di cocaina, marijuana ed eroina nella zona di Giarre, realizzato anche con l’utilizzo di minori pusher; definiti la struttura, le posizioni di vertice e i ruoli del gruppo attivo a Giarre; ricostruito il sistema con cui il clan gestiva l’attività di spaccio, individuando le modalità di approvvigionamento, custodia e cessione della sostanza stupefacente, la cassa comune e i depositi a cui attingere quotidianamente; arrestare, finora, 11 persone e denunciate altre 6 per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, sequestrati nel complesso 21 chili di marijuana, 100 grammi di cocaina, 14 di eroina e individuati 40 assuntori segnalati al Prefetto.

I criminali, diretti da un elemento di spicco della criminalità giarrese, avevano ruoli ben precisi e alimentavano la cassa comune con i proventi dello spaccio attingendo quotidianamente da vari depositi. Si avvalevano anche di minorenni, intimando ai pusher al dettaglio di commettere rapine per ripianare i debiti connessi allo smercio illecito o dovuti ai sequestri.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY