Blitz “Grande passo 3”: nomi e foto degli arrestati. Le intercettazioni choc

Redazione

IN EVIDENZA

Blitz “Grande passo 3”: nomi e foto degli arrestati. Le intercettazioni choc

di Redazione
Pubblicato il Nov 20, 2015
Blitz “Grande passo 3”: nomi e foto degli arrestati. Le intercettazioni choc

Sono, dunque, sei le persone fermate dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Monreale e della Compagnia di Corleone, a conclusione di una complessa e articolata indagine sul mandamento mafioso di Corleone. L’operazione, denominata “Grande Passo 3”, è stata coordinata dal procuratore aggiunto della Dda di Palermo, Leonardo Agueci, e dai sostituti Sergio Demontis, Caterina Malagoli e Gaspare Spedale. In manette sono finiti boss e gregari, indagati per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, danneggiamento, illecita detenzione di armi da fuoco. I provvedimenti scaturiscono da un’attività investigativa sviluppata in prosecuzione delle indagini denominate Grande Passo e Grande Passo 2, che tra il settembre 2014 ed il gennaio del 2015, avevano colpito gli esponenti delle famiglie mafiose di Corleone e Palazzo Adriano. Le acquisizioni investigative hanno permesso di individuare il capo mandamento in Rosario Lo Bue, fratello di Calogero già condannato per il favoreggiamento di Bernardo Provenzano, nonchè di ricostruire l’assetto del mandamento mafioso di Corleone, uno dei più estesi, ed in particolare delle famiglie mafiose operanti sul territorio dell’Alto Belice dei Comuni di Chiusa Sclafani e Contessa Entellina. Questi gli arrestati: Rosario Salvatore Lo Bue, 62 anni, nato a Corleone. Pastore pregiudicato, ritenuto a capo del mandamento di Corleone; Vincenzo Pellitteri, 63 anni, nato a Chiusa Sclafani. Pastore con precedenti di polizia, ritenuto a capo della famiglia di Chiusa Sclafani; Roberto Pellitteri, 25 anni, nato a Chiusa Sclafani. Operaio incensurato, figlio di Vincenzo; Salvatore Pellitteri, 23 anni, nato a Palazzo Adriano. Operaio con precedenti di polizia, figlio di Vincenzo; Salvatore Pellitteri, 39 anni, nato a Corleone. Operaio con precedenti di polizia, figlio di Vincenzo; Pietro Pollichino, 74 anni, nato a Chiusa Sclafani. Pastore con precedenti di polizia, ritenuto il referente di Contessa Entellina.


Dal Web


  • IN EVIDENZA

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • IN EVIDENZA

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • IN EVIDENZA

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • IN EVIDENZA

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361