Licata, blitz “Phintia”: chi sono gli accusati dell’omicidio Truisi; Gueli preso in...

Licata, blitz “Phintia”: chi sono gli accusati dell’omicidio Truisi; Gueli preso in Germania

0
SHARE
Angelo Cannizzaro, Diego Catania, Salvatore Gueli i presunti assassini e Angelo Truisi, la vittima

E’ terminata, poco fa, la conferenza stampa della Procura di Agrigento, con in testa il procuratore capo Renato Di Natale e l’aggiunto Ignazio Fonzo, che ha condotto e portato a termine l’inchiesta sull’omicidio di Angelo Truisi, il giovane licatese ritrovato cadavere in una villetta di Contrada Nicolizia.  Stanotte, personale della Polizia di Stato, Squadra Mobile della Questura di Agrigento, Servizio Centrale Operativo e Commissariato P.S. di Licata, hanno arrestato i presunti assassini. Si tratta di tre licatesi, tutti gravitanti nel mondo dello spaccio di droga locale come la vittima. Questi i loro nomi: Diego Catania, 22 anni; Angelo Cannizzaro, 20 anni; Salvatore Gueli, 40 anni, nato a Gela.Quest’ultimo è stato arrestato in Germania dove era fuggito quando ha capito di essere stato individuato dagli investigatori. L’operazione che ha portato all’arresto dei tre presunti assassini è stata denominata “Phintia”.

conferenza 1

 

L’arresto è avvenuto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip Francesco Provenzano, su richiesta firmata dal Sostituto Procuratore Carlo Cinque. Il provvedimento di custodia cautelare è stato adottato all’esito di complesse ed approfondite indagini medico-legali e tecniche che hanno richiesto, per l’espletamento, cognizioni di alto profilo e tempi adeguati alla delicatezza e particolarità del caso.Il cadavere di Truisi, scomparso il 2 gennaio, fu ritrovato venti giorni dopo in una cascina abbandonata tra Licata e Gela, ucciso con un fucile calibro 12 e dato alle fiamme. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, alla base dell’omicidio vi sarebbero debiti legati al traffico di cocaina.

 


x

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *