Calcioscomesse: Crotone – Catania tra le partite a rischio; Fermato l’allenatore del...

Calcioscomesse: Crotone – Catania tra le partite a rischio; Fermato l’allenatore del Barletta

174 views
0
SHARE
L'allenatore Ninni Corda

Ci sarebbe pure una partita del Crotone al centro delle mire della ‘cupola’ del calcio. Il match di Serie B in questione è Catania-Crotone dello scorso 16 febbraio. Un membro del cartello del ‘calcio sporco’ punta 21mila euro sulla vittoria dei siciliani. Gli andrà male, perchè la partita terminerà sul risultato di 1-1. Un risultato inaspettato, dovuto – spiegherà uno degli artefici della tentata combine – al fatto che, all’ultimo momento, erano venuti meno i finanziatori della frode. L’inchiesta ‘Dirty soccer’, coordinata dal sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Elio Romano, ha determinato l’arresto per frode sportiva e truffa, aggravati dalla modalità mafiosa, di 50 persone. Un’indagine che evidenzia la permeabilità dei principali campionati di calcio alle mire di un’associazione che puntava a pilotare le gare e a lucrarci sopra per mezzo delle scommesse online.

Intanto, l’allenatore del Barletta (Lega Pro), Ninni Corda, è stato fermato nell’ambito della inchiesta sul calcioscommesse della Procura di Catanzaro. Corda, 40enne originario di Nuoro, è arrivato sulla panchina barlettana a metà del girone di ritorno. Su nove partite, giocate dalla squadra che Corda ha allenato, tre, secondo la Dda di Catanzaro, sarebbero quelle incriminate (Barletta-Catanzaro, 1-1; Aversa-Barletta, 0-1; Barletta-Vigor Lamezia, 3-3).

C’è anche la Torres nella bufera che coinvolge 30 società calcistiche indagate per un presunto giro di partite truccate di Lega Pro e serie D scoperto dalla Polizia. L’inchiesta della Procura di Catanzaro riguarda molto da vicino la squadra di Sassari ma anche la Sardegna. Fra gli indagati, infatti, secondo quanto riportato dai siti di Panorama e del Fatto Quotidiano, ci sarebbero l’ex direttore sportivo della Torres, Vincenzo Nucifora, di 70 anni; e anche il nuorese Ninni Corda, di 41, allenatore del Barletta; i due cagliaritani Mauro Ulizio, di 48, ex direttore generale del Monza, e il figlio Andrea Ulizio, di 21, ex calciatore della Pro Patria. Fra gli altri club sotto inchiesta: Pro Patria, Barletta, Brindisi, L’Aquila, Neapolis Mugnano, Torres, Vigor-Lamezia, Santarcangelo, Sorrento, Montalto, Puteolana, Akragas e San Severo. L’inchiesta ha preso il via grazie alle intercettazioni di Pietro Iannazzo, ritenuto elemento di vertice dell’omonima cosca che opera a Lamezia Terme, arrestato giovedì 14 in una operazione della Polizia.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *