Candidato sindaco Ferrandelli indagato per voto di scambio coi boss: tirato in ballo dal pentito Tantillo

Redazione

Palermo

Candidato sindaco Ferrandelli indagato per voto di scambio coi boss: tirato in ballo dal pentito Tantillo

di Redazione
Pubblicato il Gen 17, 2017
Candidato sindaco Ferrandelli indagato per voto di scambio coi boss: tirato in ballo dal pentito Tantillo

Fabrizio Ferrandelli, candidato sindaco di Palermo, è indagato per il reato di voto di scambio politico-mafioso.

L’inchiesta è coordinata dal Procuratore Franco Lo Voi e dai pm Leonardo Agueci, Caterina Malagoli e Francesca Mazzocco. Ad annunciare l’inchiesta a suo carico è stato oggi lo stesso Ferrandelli, ma il politico ha parlato del reato generico di ‘voto di scambio’.

Adesso si apprende che la fattispecie di reato è più grave. L’inchiesta riguarda le elezioni amministrative del 2012 quando Ferrandelli vinse le primarie ma perse al ballottaggio contro Orlando. A chiamare in causa Ferrandelli, che in quell’anno si candidò per il Pd sia alle Comunali che alle Regionali, sarebbe il collaboratore di giustizia Giuseppe Tantillo, boss di Borgo vecchio che sta svelando gli ultimi segreti di Cosa nostra.

No comment dalla Procura di Palermo sull’inchiesta che vede indagato per voto di scambio politico-mafioso il candidato sindaco Fabrizio Ferrandelli. Interpellato dall’Adnkronos, il Procuratore Franco Lo Voi si è limitato a spiegare: “Non abbiamo nulla da dire”. Ferrandelli, senza tirare in ballo direttamente la Procura, nella nota con cui annuncia l’inchiesta, esprime dei dubbi sulla tempistica dell’indagine.

“Rimango sorpreso come, dopo quasi cinque anni- dice Ferrandelli – proprio nel pieno di una campagna elettorale in cui sto registrando grande entusiasmo e partecipazione da parte delle palermitane e dei palermitani per la mia candidatura, si apre un’indagine su di me”.


Dal Web


  • Palermo

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Palermo

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Palermo

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Palermo

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361