Canicattì, altro arresto per Razouk Mustafà: accusato anche di rapina impropria

Redazione

Canicattì

Canicattì, altro arresto per Razouk Mustafà: accusato anche di rapina impropria

di Redazione
Pubblicato il Mar 12, 2016
Canicattì, altro arresto per Razouk Mustafà: accusato anche di rapina impropria

Il giovane dopo le note vicende che lo hanno visto balzare agli onori della cronaca, prima per aver – la notte tra il 23/24 febbraio – nel noto locale della movida canicattinese lo “Chevous” di via Giudice Saetta – in preda ai fumi dell’alcool e “armato” di una stampella ortopedica, dopo aver minacciato i clienti ed il personale dell’esercizio, ha colpito ripetutamente il bancone di mescita danneggiandolo e rompendo bicchieri e bottiglie culminata con resistenza a P.U. nei confronti dei militari intervenuti.

E sola una notte in camera di sicurezza dopo il rito direttissimo era stato autorizzato a beneficiare della misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Canicattì.

Poi la notte tra il 1° ed il 2 feb ha ben pensato di poter tranquillamente uscire di casa per andarsi a prendere una birra, ma questa volta non è riuscito neanche ad entrare nel locale che è stato fermato ed arrestato per il reato di evasione, da una pattuglia che nel transitare lo riconosceva, ed anche in questa circostanza per il nuovo procedimento è stato autorizzato agli Arresti Domiciliari.

Infine l’altro giorno (10 marzo), alle ore 10.00 del mattino, presso la sua abitazione, i Carabinieri per la terza volta lo hanno ammanettato ma questa volta su ordinanza del Tribunale di Agrigento, che visto il susseguirsi degli episodi ha ritenuto opportuno commutare la misura degli Arresti Domiciliari con la custodia i carcere, per tanto il giovane è stato tradotto presso il Petrusa.

 Altra tegola per il ragazzo potrebbero arrivare dalla nota conclusiva deposita dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Canicattì in merito ad un episodio avvenuto il 23 feb in via pirandello, in danno di un giovane canicattinese al quale il Razouk, approfittando di un attimo di distrazione, saliva sul suo SUV con le chiavi inserite e pur di allontanarsi non esitava a travolgere il proprietario che, accortosi di quanto stava accadendo, nel tentativo di fermarlo si aggrappava allo sportello finendo rovinosamente sull’asfalto, procurandogli lesioni giudicate guaribili dai sanitari del locale pronto soccorso in gg 7 s.c.. l’autovettura veniva immediatamente rinvenuta dai carabinieri intervenuti abbandonata nella vicina via Milano e restituita avente diritto. Ora dovrà anche rispondere di rapina impropria.


Dal Web


  • Canicattì

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Canicattì

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Canicattì

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Canicattì

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361