Canicattì, la Giunta approva diversi atti: si recupera bene confiscato a Cosa nostra

Redazione

Canicattì

Canicattì, la Giunta approva diversi atti: si recupera bene confiscato a Cosa nostra

di Redazione
Pubblicato il Mag 16, 2018
Canicattì, la Giunta approva diversi atti: si recupera bene confiscato a Cosa nostra

Seduta di Giunta Municipale molto produttiva, quella di ieri pomeriggio, con diversi atti approvati.

Con Delibera di G.M. n°. 48/2018 è stata rinnovata la concessione in comodato d’uso gratuito e temporaneo all’A.S.D. Canicattì 1928 del campo di calcio a 5 e annesso locale di servizi che si trovano nell’impianto polivalente di via Pier Paolo Pasolini. Il rinnovo è stato concesso per permettere alla Società la continuazione del progetto di utilità sociale iniziato nel 2017. La concessione durerà fino al 30 giugno 2019.

Altra Deliberazione di notevole interesse, quella che approva l’acquisizione al patrimonio comunale di beni sottratti alla criminalità organizzata; 23 i beni in questione.

Nell’ambito del P.I.S.U. (Progetto Integrato di Sviluppo Urbano) si è proceduto all’approvazione amministrativa di due progetti esecutivi relativi all’Azione 9.6.6 – PO FESR 2014/2020 “Interventi di recupero funzionale e riuso di vecchi immobili di proprietà pubblica in collegamento con attività di animazione sociale e partecipazione collettiva, inclusi interventi per il riuso e al rifunzionalizzazione dei beni confiscati alle mafie”.

Il primo riguarda il recupero del locale confiscato alla mafia sito in v. Carlo Alberto n.44, il cui importo complessivo dei lavori ammonta a €. 56.700,00; il secondo si riferisce ai lavori di ripristino dei locali ex custode della Villa Comunale e il recupero di un locale confiscato alla mafia e sito in via Kennedy, in questo caso l’importo complessivo dei lavori è di €. 99.858,21.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04