Cartucce e teste d’oca mozzate a titolari ditta: 2 arresti

Redazione

ultime brevi

Cartucce e teste d’oca mozzate a titolari ditta: 2 arresti

di Redazione
Pubblicato il Lug 14, 2017
Cartucce e teste d’oca mozzate a titolari ditta: 2 arresti

Avrebbero costretto con minacce e intimidazioni i titolari di una ditta a ridimensionare fino quasi ad azzerarlo il credito maturato nei confronti di un fornitore insolvente. Con l’accusa di estorsione la Polizia ha arrestato a Trapani Antonino Natalizi, 50 anni, e Francesco Giovanni Figlioli, 53 anni, che dovrà rispondere anche di maltrattamento di animali. L’indagine, condotta dalle Squadre mobili di Palermo e Trapani, è stata avviata dopo la denuncia di un imprenditore palermitano. I due avrebbero inviato un pacco contente tre cartucce da caccia, tre teste mozzate di oca e una lettera minatoria ai titolari di una ditta per costringerli a desistere dall’azione esecutiva intrapresa per riscuotere un credito di 41.996 euro, oltre interessi e spese legali, da alcune persone ‘vicine’ ai due arrestati. La ditta debitrice, in relazione a una fornitura di materiale disattesa, era stata condannata, infatti, con sentenza della Corte d’Appello di Palermo al pagamento del dovuto. Figlioli e Natalizi avrebbero anche inviato una lettera intimidatoria all’avvocato dell’azienda creditrice, minacciandolo di morte qualora non avesse desistito dall’esercitare l’azione di recupero della somma. “Figlioli, inoltre, si è reso responsabile della morte di tre oche alle quali aveva tagliato la testa e di estorsione – spiegano gli investigatori -, in quanto avrebbe inviato allo stesso avvocato una lettera di minacce e allusioni tramite la quale avrebbe chiesto alla controparte di accettare, a titolo transattivo, il pagamento della somma di euro 3.500, invece degli oltre 40.000 euro di credito vantato”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361