Cgil: “Ancora sangue di lavoratori agrigentini morti sul lavoro, basta!”

Redazione

Ultime Notizie

Cgil: “Ancora sangue di lavoratori agrigentini morti sul lavoro, basta!”

di Redazione
Pubblicato il Ott 9, 2017

Sul tragico incidente verificatosi questa mattina alla diga Furore, a Naro, costata la vita a due operai, uno proprio di Naro, l’altro di Favara, interviene con una dura nota affidata ai media, il sindaco Ggil di Agrigento.

“Come CGIL, oltre a stringerci commossi ai Familiari di Francesco Gallo e Gaetano Cammileri, non possiamo che ribadire che per Noi non esistono “tragiche fatalità”: dietro ogni morte sul lavoro ci sono precise inosservanze degli obblighi di sicurezza.

In generale,  ci sono responsabilità del sistema delle imprese, così come esiste anche un problema culturale dei lavoratori, unito  anche allo “stato di necessità” che spesso li costringe ad accettare ed eseguire un lavoro anche in condizioni di estremo rischio.

Questa volta  il “datore di lavoro” è un soggetto pubblico, la Regione, per cui ancora più grave ed urgente diventa accertare omissioni e responsabilità.

Le dighe siciliane da troppo tempo sono in stato di abbandono, lo denunciamo inascoltati da troppo tempo ed il suo personale insufficiente, così come scarsi gli investimenti in manutenzione e sicurezza complessiva.

C’è  anche un deficit di controlli e di sanzioni da parte dell’apparato dello Stato e della Regione preposto, spesso senza mezzi e uomini che, proclami a parte, resta ben al di sotto delle esigenze.

Ma questa “mattanza” deve finire: 3 morti al giorno sono un “sacrificio umano” non sopportabile. Deve affermarsi una “cultura della sicurezza”, occorre che la sicurezza non venga considerato solo un costo ma un valore, perché la vita non ha ne può avere un prezzo!

Anche in questo caso, ci auguriamo che si faccia piena luce e chi ha responsabilità paghi, perché anche questo serva come deterrente per tutti quelli che pensano che proteggere i lavoratori sia un “optional”.

 


Dal Web


  • Ultime Notizie

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Ultime Notizie

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Ultime Notizie

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Ultime Notizie

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361