Coltivava piante cannabis, arrestato giovane consigliere comunale

Redazione

Messina

Coltivava piante cannabis, arrestato giovane consigliere comunale

di Redazione
Pubblicato il Set 16, 2016
Coltivava piante cannabis, arrestato giovane consigliere comunale

Una piantagione di droga è stata scoperta a Spadafora (Messina) dai carabinieri che hanno fatto scattare le manette ai polsi di Antonino Lizzio, 49 anni, e Giovanni Ilacqua, 25 anni, consigliere comunale.

Da giorni i militari avevano intensificato i servizi antidroga sulla fascia tirrenica che da Messina conduce al centro di Milazzo, insospettiti dalla forte recrudescenza dello spaccio di stupefacenti. In un casolare in località Serra Puntale a Spadafora, al termine di diversi giorni di pedinamenti, i carabinieri hanno trovato una vera e propria coltivazione di marijuana indoor con lampade alogene e ventilatori per consentire la crescita delle piante e la successiva essiccazione. Una catena di montaggio talmente ben organizzata che i due si erano premurati anche di abbattere i costi dell’energia elettrica, allacciandosi abusivamente a un palo della rete elettrica pubblica.

Per il giovane consigliere comunale e il suo complice sono così scattate le manette per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché furto aggravato di energia elettrica. L’intera area è stata sequestrata, così come 7 piante di marijuana alte un metro, altre due in fase di essicazione, 60 grammi di sostanza stupefacente pronta per essere immessa nel mercato.

Ilacqua è il terzo amministratore locale tratto in arresto negli ultimi tempi dai carabinieri del Comando provinciale di Messina. Nei mesi scorsi sono stati arrestati l’assessore all’Agricoltura del Comune di S. Teodoro e un consigliere comunale del Comune di Terme Vigliatore. La droga sarà inviata al Ris di Messina per gli accertamenti di laboratorio. Entrambi gli arrestati sono stati condotti nelle proprie abitazione in attesa dell’udienza di convalida.


Dal Web


  • Messina

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Messina

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Messina

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Messina

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361