Commemorazione via d’Amelio: forte abbraccio tra Mattarella e Manfredi Borsellino

Commemorazione via d’Amelio: forte abbraccio tra Mattarella e Manfredi Borsellino

392 views
0
SHARE
L'abbraccio tra Manfredi Borsellino e il presidente Mattarella

“Oggi sono qui solo per lei, Presidente Mattarella. Lei è tra quelli che hanno voluto bene a mio padre, lei ha avuto il nostro stesso vissuto e può comprendere cosa stiamo vivendo in questo preciso momento storico con le mie sorelle”. Lo ha detto Manfredi Borsellino nel suo intervento alla presenza del Capo dello Stato nel corso della cerimonia di commemorazione della strage di via D’Amelio, organizzata dall’Anm nell’aula magna della Corte d’Appello di Palermo. “Lei è stato un punto di riferimento per mio padre e per la mia famiglia – dice ancora Manfredi – ho avuto modo di assistere due volte alle telefonate tra lei e mio padre e notavo il garbo e la delicatezza con cui mio padre si rivolgeva alla sua persona e pensavo tra me che fosse sconfinata la stima e l’apprezzamento che provava verso di lei e come lei aveva vissuto il dramma uguale, se non superiore che abbiamo vissuto noi anni dopo”.
Poi rivolgendosi direttamente al Capo dello Polizia, Prefetto Alessandro Pansa aggiunge: “Dovrei chiederle di essere destinato altrove, lontano da una terra davvero disgraziata, ma non solo non glielo chiedo ma le ribadisco che ho il dovere di rimanere qui. Lo devo a mio padre e adesso lo devo soprattutto a mia sorella Lucia”.
“Mia sorella si è trovata ad operare in uno scenario drammatico in questi anni. Lucia voleva una Sanità libera e felice, come diceva sempre lei: felice. E’ rimasta fino al 30 giugno per amore di giustizia, per suo padre. Per potere spalancare le porte di un assessorato e di una Sanità, da sempre centro di interessi mafiosi, agli inquirenti. Perché nessuna risultanza investigativa andasse dispersa. Poi non ce l’ha fatta più. Non so con quale forza abbia retto di lavorare fino al 30 giugno, quando si è dimessa dal suo incarico. So che lei e sarà sempre la più degna dei figli di suo padre”.
La fine del discorso di Manfredi Borsellino, commissario di polizia e figlio del giudice ucciso dalla mafia, è stata accolta da applausi a scena aperta. Il presidente Sergio Mattarella si èalzato e lo ha abbracciato.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *