Comunali: in Sicilia valanga 5 Stelle. A Vittoria restano ombre

Comunali: in Sicilia valanga 5 Stelle. A Vittoria restano ombre

0
SHARE
Il neo sindaco di Canicattì Ettore Di Ventura. la festa

La Sicilia si sveglia a Cinque stelle, almeno nelle sfide più importanti dei ballottaggi, in occasione dei quali si sono recati alle urne meno elettori: il 52,49%, -13,24% rispetto al primo turno.

Nella ‘Vigata’ di Camilleri, a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, Ida Carmina ottiene il 71,31%; surclassa Orazio Guarraci, candidato del Pd e Sicilia futura dell’ex sindaco Toto’ Cardinale, fermatosi al 28,69%.

Risultato simile a Favara, dove la pentastellata Anna Alba vola sull’onda del 71,74%, contro il 28,26% di Gabriella Bruccoleri del Pd. Anche ad Alcamo, cittadina del Trapanese, commissariata da un anno e dove da tempo spirano venti giudiziari, vince il M5S che aveva sfiorato l’elezione al primo turno: Domenico Surdi ottiene il 74,88%, contro il 25,13% di Sebastiano Dara, a capo delle liste civiche Abc e Alcamo cambierà.

I riflettori erano accesi, ma per altri motivi, anche su Vittoria: nel grosso centro del Ragusano, pochi giorni prima del voto, è scoppiata imprevista la grana giudiziaria che aveva travolto nove esponenti politici, compresi i due sfidanti al ballottaggio accusati di voto di scambio politico-mafioso.

Alla fine prevale Giovanni Moscato, a capo di quattro liste civiche, vicino al centrodestra, con il 55,16%. Il già sindaco Francesco Aiello, storico esponente della sinistra, sostenuto da Psi, Sicilia futura e liste civiche, si è attestato sul 44,84%. A testimonianza che le ombre comunque restano e che adesso si tratta di provare a diradarle, tra i primi impegni dichiarati del primo cittadino, l’incontro con la procura di Catania che coordina l’inchiesta per provare a spazzare le nubi sulla sua posizione.

A Noto, in provincia di Siracusa, ha vinto il candidato del Pd Corrado Bonfanti con il 53,8%; Corrado Figura, presidente del consiglio comunale uscente, alfiere di quattro movimenti civici, non e’ andato oltre il 46,2%. A Lentini prevale Saverio Bosco, a capo di tre liste civiche con il 54,86%; Stefano Battiato, con sette liste civiche, vicino al centrodestra, ottiene il 45,14%%. A Giarre nuovo sindaco è Angelo D’Anna, sostenuto da tre liste civiche, con il 63,19%, avendo la meglio su Tania Spitaleri che, schierata da Megafono, Sicilia futura, due civiche e da un pezzo del Pd, ha incassato il 36,81%.

A Caltagirone, nel più classico dei duelli tra centrodestra e centrosinistra, vince il deputato dell’Ars della Lista Musumeci Gino Ioppolo, che ha ottenuto il 54,98; mentre Francesco Pignataro uomo del Pd, si è fermato al 45,02%.

A Canicattì, in provincia di Agrigento, è sindaco il Pd Ettore Di Ventura con il 65,24%; l’esponente del centrodestra Ivan Paci non è andato oltre il 34,76%.

I risultati elettorali confermano dunque la crescita dei consensi 5 stelle in Sicilia, tanto da indurre il loro leader all’Assemblea regionale Giancarlo Cancelleri ad affermare di voler “lanciare un’opa per puntare senza mezzi termini alla conquista della Regione”

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *