Danneggiano centro d’accoglienza al Villaggio Mosè e trattengono operatrici: arrestati 4 immigrati

Redazione

Agrigento

Danneggiano centro d’accoglienza al Villaggio Mosè e trattengono operatrici: arrestati 4 immigrati

di Redazione
Pubblicato il Ott 10, 2018
Danneggiano centro d’accoglienza al Villaggio Mosè e trattengono operatrici: arrestati 4 immigrati

Ad Agrigento, la Polizia nella giornata di ieri ha arrestato tre cittadini nigeriani ed uno gambiano, tutti diciottenni in quanto ritenuti responsabili dei reati di danneggiamento aggravato, sequestro di persona ed il solo John Ehijie  anche del reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.
Gli immigrati, ospiti presso una struttura di accoglienza del Villaggio Mosè, dopo avere danneggiato una porta dell’immobile che li ospitava, trattenevano contro la loro volontà, all’interno dei locali della struttura, due operatrici della stessa.
Inoltre,  John 
Ehijie  all’atto di essere bloccato opponeva resistenza attiva agli agenti delle “Volanti” intervenuti.I quattro, reclamando la consegna del pocket money, hanno chiuso a chiave in una stanza, dove si trovavano anche loro, due operatrici del centro d’accoglienza di Villaggio Mosè. I due agenti intervenuti hanno subito lievi contusioni. 

Espletate le formalità di rito, gli arrestati venivano trattenuti presso le camere di sicurezza della Questura, in attesa dell’udienza di convalida.

“Hanno danneggiato i locali della struttura di accoglienza, preso in ostaggio le operatrici, resistito all’arresto: tre nigeriani e un gambiano sono stati ammanettati dalla polizia ad Agrigento. A due di loro e’ gia’ stata revocata la protezione, quella degli altri ha le ore contate. In Italia, con il nostro Decreto, non c’e’ piu’ tolleranza per clandestini e delinquenti!”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04