Di Gati: “Ci detti una scupitatta e murì”, così si uccideva durante la guerra di mafia

Redazione

Agrigento

Di Gati: “Ci detti una scupitatta e murì”, così si uccideva durante la guerra di mafia

di Redazione
Pubblicato il Set 23, 2018
Di Gati: “Ci detti una scupitatta e murì”, così si uccideva durante la guerra di mafia

Sono intrise di sangue e omicidi le rivelazioni del pentito di mafia Maurizio Di Gati. Il racalmutese ha raccontato in pagine e pagine di verbali, delle modalità di efferati delitti che hanno insanguinato per anni la provincia agrigentina.

Parla di mandanti, di esecutori matriali, di retroscena, fa nomi e cognomi, l’ex barbiere di Racalmuto.

Uno spaccato di terrore, pistolettate e colpi di lupara che lasciano col fiato sospeso. Da Aragona a Favara, da Palma a Canicattì, da Porto Empedocle, ad Agrigento, e non solo. Uno scenario che sembra quasi una guerra, e che guerra in realtà è stata, guerra di mafia con morti sul campo di battaglia, rappresentato da strade, vicoli e piazze. Con morti, vedove, lacrime e sangue che Maurizio Di Gati conosce bene.

Leggi l’articolo sul settimanale grandangolo.

Per acquistare Grandangolo clicca qui –> https://gumroad.com/l/HbIWcb


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04