Dopo averla perseguitata, passa alle mani: arrestato stalker

Redazione

Catania

Dopo averla perseguitata, passa alle mani: arrestato stalker

di Redazione
Pubblicato il Feb 8, 2016
Dopo averla perseguitata, passa alle mani: arrestato stalker

Andava avanti da tempo, la persecuzione che il pregiudicato Danilo Concetto Nicolosi aveva portato avanti ai danni di una donna che aveva avuto la sfortuna di intrecciare con lui una relazione sentimentale, ma ieri quella che avrebbe potuto trasformarsi in tragedia è giunta all’atto finale.

Domenica pomeriggio, infatti, con una telefonata al 113 la vittima ha richiesto l’aiuto della Polizia, dopo aver subito un’aggressione fisica dall’ex convivente che, questa volta, è passato alle vie di fatto, malmenandola fino a costringerla a rifugiarsi in ospedale.

Ed è stato proprio in ospedale che i poliziotti delle Volanti, precipitatisi sul posto, lo hanno individuato: un uomo con le fattezze fisiche corrispondenti a quelle fornite dalla donna al 113, alla vista delle “divise” ha repentinamente cercato rifugio all’interno di un reparto interno al nosocomio, ma gli agenti – che lo avevano già riconosciuto – non gli hanno dato scampo e, raggiuntolo, lo hanno immediatamente bloccato.

All’equipaggio che l’ha contattata, la vittima ha raccontato una lunga storia di persecuzione, tanto che in passato il Nicolosi era stato già ammonito dal Questore di Catania. Ma l’impenitente stalker non aveva in alcun modo cessato la propria condotta, diventando sempre più insistente.

In ultimo, la mattina della scorsa domenica, al culmine di una lite, il Nicolosi non ha esitato a colpire la sua vittima.

Questa volta, però, la sua intemperanza gli è costata le manette: gli agenti lo hanno arrestato per il reato di atti persecutori e lo hanno tradotto agli arresti domiciliari dove attende il giudizio per direttissima.

Questa volta, però, la sua intemperanza gli è costata le manette: gli agenti lo hanno arrestato per il reato di atti persecutori e lo hanno tradotto agli arresti domiciliari dove attende il giudizio per direttissima.

 

 


Dal Web


  • Catania

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Catania

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Catania

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Catania

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361