Droga e armi in casa. Tre arresti a Vittoria

Redazione

Cronaca

Droga e armi in casa. Tre arresti a Vittoria

di Redazione
Pubblicato il Giu 29, 2018
Droga e armi in casa. Tre arresti a Vittoria

Tre persone sono state arrestate a Vittoria, nel Ragusano, dalla Polizia per detenzione di cocaina ai fini di spaccio. Si tratta di Fortunato Vella, 38 anni, che deve rispondere anche di detenzione di armi e munizioni, Emanuele Sciortino, 43 anni, e Vincenzo Sciortino, 18 anni. Gli arresti sono scattati nell’ambito dell’operazione ‘Alto impatto’, condotta nelle province di Novara, Verona, Imperia, Piacenza, Latina Ravenna, Pescara, Caserta, Ragusa, Vibo Valentia e Sassari e coordinata dal Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato. Il blitz ha portato al sequestro dei circa 5 chili di droga, pronta a essere immessa sul mercato, un fucile illegalmente detenuto, 4 pistole, delle quali una usata per un tentativo di omicidio, circa 300 cartucce molteplici arnesi atti allo scasso e diversi coltelli a serramanico. Gli agenti hanno effettuato 78 perquisizioni su scala nazionale arrestando 64 persone per rapina, ricettazione, violazione delle norme concernenti le armi, furto, reati in materia di stupefacenti e favoreggiamento o sfruttamento della prostituzione. Nel Ragusano le manette sono scattate ai polsi di Vella e Emanuele e Vincenzo Sciortino, padre e figlio. Durante il controllo i tre hanno tentato di disfarsi della cocaina gettandola nel water ma i cani antidroga hanno trovato lo stupefacente. A casa di Vella è stata rinvenuta una pistola perfettamente funzionante e il relativo munizionamento. Nell’abitazione dei due Sciortino tutto il necessario per confezionare la droga. Il 18enne è stato posto ai domiciliari, mentre per gli altri due si sono spalancate le porte del carcere.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04