Strillone

Duplice omicidio Mazara: prima di morire la donna scrive su parete due lettere con sangue

Due lettere scritte con il sangue su una parete prima di morire dissanguata per le coltellate ricevute. E’ stato l’ultimo tentativo di Rita Decina, la 28enne uccisa ieri con il compagno, Angelo Cannavò nella loro abitazione alla periferia di Mazara del Vallo (Trapani), per tentare di fare conoscere il nome dell’assassino e degli assassini.

“E’ uno spunto investigativo su cui stiamo lavorando”, spiega il Questore di Trapani, Maurizio Agricola, che conduce le indagini sul duplice omicidio. Sembra che le lettere siano la E e la R, “ma non è certo”, dice ancora Agricola. intanto, sono proseguiti per tutta la notte gli interrogatori di parenti e amici dopo il duplice omicidio della giovane coppia. L’uomo è stato trovato al piano terra dello stabile, mentre la donna è stata rinvenuta sul piano ammezzato. I due sono stati uccisi a coltellate. Per ora la pista più accreditata dagli investigatori che indagano sull’assassinio della coppia è quella di un regolamento di conti nel mondo della droga. L’autopsia sui loro corpi è ancora in corso.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top