E’ sempre caccia a Matteo Messina Denaro: perquisizioni e 17 indagati (tra cui medico e imprenditore) (vd)

Redazione

Apertura

E’ sempre caccia a Matteo Messina Denaro: perquisizioni e 17 indagati (tra cui medico e imprenditore) (vd)

di Redazione
Pubblicato il Giu 5, 2018
E’ sempre caccia a Matteo Messina Denaro: perquisizioni e 17 indagati (tra cui medico e imprenditore) (vd)

Blitz della Polizia contro la rete di fiancheggiatori che protegge la latitanza del boss Matteo Messina Denaro: dall’alba sono in corso una serie di perquisizioni disposte dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo in diversi comuni della provincia di Trapani. Complessivamente sono 17 gli indagati nella nuova inchiesta.

Fiancheggiatori Messina Denaro

Fiancheggiatori Messina Denaro

Le perquisizioni sono scattate a Castelvetrano, Mazara del Vallo, Partanna, Santa Ninfa, Salaparuta e Campobello di Mazara nei confronti di soggetti che nel corso degli anni sono stati arrestati per associazione mafiosa o che hanno avuto collegamenti con personaggi riconducibili a Cosa Nostra.

Tra i 17 indagati anche persone che storicamente hanno avuto stretti rapporti con Messina Denaro. Oltre 150 uomini del Servizio centrale operativo (Sco), delle squadre mobili di Trapani e Palermo e del Reparto prevenzione crimine stanno perquisendo abitazioni, terreni, attività commerciali e imprenditoriali – anche con strumenti in grado di individuare covi o bunker nascosti – con l’obiettivo di raccogliere ogni possibile elemento utile alla cattura del boss.

Il blitz arriva a poco più di un mese da un’altra indagine della Dda che ha portato in carcere 21 persone tra boss e gregari dei clan di Castelvetrano, Partanna e Mazara del Vallo. A dicembre altri 30 presunti mafiosi erano finiti indagati dalla Dda sempre per aver favorito la latitanza di Messina Denaro.

La Polizia avrebbe trovato un nascondiglio.

Gli inquirenti non danno particolari sulla scoperta fatta mentre cercavano tracce del padrino di Castelvetrano. Gli agenti hanno passato al setaccio abitazioni, case rurali, locali, magazzini di persone ritenute vicine al capomafia di Castelvetrano. Diciassette i denunciati. Nel corso delle perquisizioni sono state sequestrate anche lettere, un pc e un tablet.

Ci sono anche un medico e un imprenditore tra i 17 denunciati per favoreggiamento: Francesco Burrafato, 76 anni, ex primario di Chirurgia dell’ospedale di Castelvetrano da anni vicino alla famiglia del capomafia ricercato. Al medico sono stati sequestrati pc e tablet. Denunciato anche l’imprenditore Marco Giovanni Adamo, tra gli storici favoreggiatori del padrino. La Dia in passato gli ha sequestrato beni per oltre 5 milioni.

 

 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04