Elezioni Agrigento, la Chiesa scende in campo: “Giù le mani dal voto...

Elezioni Agrigento, la Chiesa scende in campo: “Giù le mani dal voto libero e segreto”

0
SHARE
Grandangolo 20 del 23 maggio 2015,sito

Le prossime elezioni amministrative ad Agrigento, il grido d’allarme lanciato dal direttore del settimanale cattolico agrigentino, L’amico del popolo, don Carmelo Petrone: “Giù le mani dal voto libero e segreto”; il decalogo delle buone cose da fare in vista delle prossime elezioni, una sorta di bon ton del candidato sindaco e candidato consigliere comunale, sottoscritto dal Consiglio pastorale. La Chiesa agrigentina irrompe a piedi uniti sulla politica cittadina con gli autorevoli interventi dei suoi uomini migliori fortificati e protetti dall’inarrestabile e apprezzato don Franco Montenegro in pochi mesi diventato nell’ordine: cardinale, presidente della Caritas italiana e “ministro” della Cei.

Insomma, la politica nostrana, questa volta, deve fare i conti con l’occhio vigile, per diventare fustigatore della nostra Chiesa che, con garbo, assurge a protagonista e non spettatore della politica locale. Grandangolo  – il giornale di Agrigento, diretto da Franco Castaldo, fa proprie le iniziative del clero e rilancia tali temi con due pagine di articoli e commenti. Un paginone viene dedicato al calcio scommesse che, senza volerlo, coinvolge anche la neopromossa nel calcio che conta Akragas, tirata per i capelli nell’immondezzaio delle partite vendute da un ex beniamino: Salvatore Astarita.

Altri argomenti importanti corredano il settimanale, in edicola domattina, sviluppando, con l’abile penna di Enzo Alessi, un tema molto delicato: si può morire in ospedale mentre si è in attesa al Pronto soccorso di essere sottoposti agli interventi del caso?

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *