Espugnata piazza di spaccio “Fossa dei leoni”, 4 arresti

Redazione

Catania

Espugnata piazza di spaccio “Fossa dei leoni”, 4 arresti

di Redazione
Pubblicato il Feb 3, 2016
Espugnata piazza di spaccio “Fossa dei leoni”, 4 arresti

In quattro, tutti arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Catania Fontanarossa, gravitavano tra la palazzina di Viale  Grimaldi 10 e l’annesso cortile: la Fossa dei leoni. Favoriti dalla posizione e dall’elevazione dei palazzi circostanti, in grado di offrire riparo ed evidenziare la presenza di chiunque, estraneo al circuito criminale intessuto, si fosse affacciato sull’area,  uno fungeva da guardiano del bidone, parzialmente interrato, deputato ad occultare lo stupefacente; un altro era la “vedetta” con il compito di avvisare i “colleghi” circa la presenza di auto sospette e filtrare/indirizzare gli acquirenti verso il 3° uomo, il “cassiere”, che prendeva il denaro. Infine, l’acquirente poteva recarsi dal pusher, posizionato a circa 20 mt, e ritirare lo stupefacente.

Nei giorni di osservazione i militari dell’Arma hanno censito un flusso di 150 clienti al giorno, provenienti dal catanese ma non solo. In prevalenza marjuana e cocaina lo stupefacente fornito, per un volume d’affari che si attestava sui 10.000 euro giornalieri. Ieri il blitz: dopo aver rilevato la presenza dei quattro e di diversi acquirenti, i Carabinieri cinturavano l’area lasciando quale unica via di fuga l’accesso ad un’abitazione sita al 1 piano della Fossa. E proprio lì scattavano le manette per il custode, la vedetta, il pusher ed il cassiere, trovato in possesso di circa 200 euro appena ricevute da un acquirente. La perquisizione veniva immediatamente estesa all’intera piazza di spaccio dove i militari rinvenivano, parzialmente interrato, un bidone contenente 1 kg di marjuana suddivisa dosi e 15 gr di cocaina.

A finire in manette Cristian Franceschino, 27enne, di Misterbianco, Vito Platania,  34enne, e altri 2 giovani, entrambi di Catania, tutti associati nel carcere di Piazza Lanza, che dovranno rispondere all’Autorità Giudiziaria del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

 


Dal Web


  • Catania

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Catania

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Catania

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Catania

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361