Catania

“Falso testamento”: condanna per una donna di 51 anni

Avrebbe fatto registrare un falso testamento olografo per entrare in possesso di una casa che doveva essere poi venduta alla moglie di un notaio, che era proprietaria dell’appartamento confinante. E’ l’accusa contestata a una donna 51 anni, che è stata condannata, pena sospesa, a due anni di reclusione per falso dal gip di Catania Giuliana Sammartino.

Il gip Sammartino ha dichiarato “la falsità del testamento olografo”, ordinandone “la confisca e distruzione”, e ha disposto, oltre al risarcimento delle spese legali, anche il pagamento di una provvisionale di 5.000 euro alla parte civile, l’erede della proprietaria dell’immobileassistita dall’avvocato Antonio Fiumefreddo.

Agli atti del processo la perizia grafica che ha stabilito la falsità del lascito, registrato da un notaio estraneo alla vicenda, e le testimonianze di un lontano cugino  e di un’amica e convivente della proprietaria della casa  che hanno sostenuto che la donna non conosceva l’imputata e non era in grado, per le condizioni di salute, di redigere un testamento olografo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top