Favara, violenza sessuale sulla figlia separata: cinque indagati, Procura chiede incidente probatorio

Redazione

Apertura

Favara, violenza sessuale sulla figlia separata: cinque indagati, Procura chiede incidente probatorio

di Redazione
Pubblicato il Mar 17, 2018
Favara, violenza sessuale sulla figlia separata: cinque indagati, Procura chiede incidente probatorio

Una storia di quelle da far venire la pelle d’oca. 

Una storia agghiacciante, incestuosa, caratterizzata da ripetuti abusi sessuali nei confronti della figlia, anche davanti ai nipoti, sotto ripetute minacce, insulti, vessazioni,  per la quale il Sostituto procuratore della Repubblica di Agrigento Alessandra Russo, sensibilissima,  ha chiesto di “cristallizzare” la testimonianza della vittima con l’incidente probatorio.

Bisogna fare un passo indietro e, seguendo la ricostruzione degli inquirenti, tornare tra l’inizio del 2016 e la fine del 2017 epoca in cui si sarebbero svolti i fatti.

Siamo a Favara e protagonisti di questa triste storia sono padre e figlia. Lui, G. B., 51enne pregiudicato attualmente detenuto, indagato dalla Procura di Agrigento per i reati di violenza sessuale e lesioni aggravate; lei, P. B., 33enne alle prese con tante difficoltà per mantenere i tre figli, separata, convivente con il padre.

Un rapporto tra padre e figlia, tra i più genuini e naturali, trasformato in una storia violenta. Brutale è la ricostruzione della Procura su quanto accaduto: il papà-orco, in più di una occasione, si sarebbe introdotto nella stanza della figlia – anche in presenza dei nipotini – colpendola con schiaffi, pugni, tirandole i capelli e – tenendola ferma – l’avrebbe costretta ad avere rapporti sessuali completi. Talvolta per costringerla a seguirla e compiere atti di violenza sessuale la giovane donna è stata minacciata con una pistola.

Il muro del silenzio si rompe a seguito di una di queste violenze, nel settembre scorso.

E c’è un referto dell’ospedale San Giovanni di Dio che riscontra sulla figlia, testualmente, una:“contusione ecchimotica cranica frontale e tumefazione, contusione con ecchimosi zona cutanea zigomatica sovra emimandibolare omolaterale, regione posteriore braccio sinistro e mediale avambraccio sx con paziente che riferisce violenza sessuale e che mostra eritema ed edema ai genitali”. 

Secondo la Procura di Agrigento non sarebbe stato né il primo e neanche l’unico episodio. Gli inquirenti ipotizzano almeno un altro caso che datano intorno al febbraio 2016.

Il padre, questa volta armato, avrebbe puntato contro la figlia una pistola perché lo seguisse in camera da letto e, tenendo sempre l’arma in mano, avrebbe consumato un rapporto sessuale.

E, ancora, i ripetuti insulti, le minacce di farle togliere i figli o di smettere di mantenerli in quanto non suoi.

Nella vicenda, poi, si inseriscono altre cinque persone – quasi tutti familiari – indagati per  favoreggiamento e concorso in falso in quanto avrebbero mentito e taciuto sui fatti al Pubblico ministero oltre che ad aver aiutato il padre ad eludere le attività di indagine.  Per tale ragione la Procura ha chiesto l’incidente probatorio per sentire al più presto la vittima e cristallizzare la sua testimonianza che – con il passare del tempo e data la fragilità del soggetto – potrebbe essere compromessa.

Si attende a giorni la decisione del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Alfonso Malato, che deciderà luogo ed ora.

Ma la storia, senza fronzoli, purtroppo è questa.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361