Fermato un pastore 40enne per l’omicidio dei due tunisini

Fermato un pastore 40enne per l’omicidio dei due tunisini

0
SHARE
Il luogo del duplice omicidio e, nel riqaudro, Domenico Centonze

I carabinieri di Trapani e di Marsala hanno fermato un pastore di 40 anni, pregiudicato, con l’accusa di essere l’assassino dei due tunisini uccisi a fucilate lo scorso 3 giugno in contrada Samperi, nelle campagne di Marsala. Le due vittime, Ali Essid e Rafik El Mabrouk, furono trovate ancora a bordo del motorino sul quale viaggiavano, accasciati a terra in una piccola piazzola, uccisi da diversi colpi di fucile da caccia caricato a pallettoni.

Le indagini, coordinate dal procuratore di Marsala Girolamo Alberto Di Pisa e dalla dottoressa Anna Sessa, hanno visto l’interrogatorio di decine di possibili testimoni, riscontrando sin da subito un’assoluta chiusura a fornire agli inquirenti indicazioni utili. Addosso ad uno dei due tunisini gli investigatori hanno trovato le tessere di un nightclub dove i due avevano trascorso la notte precedente l’omicidio. Le indagini si sono concentrate quindi sugli avventori e i dipendenti del locale, che erano presenti quella sera, scoprendo che intorno alle 2 della notte c’era stata una violenta discussione proprio tra uno dei due tunisini e il pastore.

All’origine della discussione pare sia stato il fatto che l’extracomunitario si era intrattenuto con una ballerina del night, scambiandosi anche il numero di telefono. Ciò avrebbe fatto infuriare il 40enne che prima ha buttato fuori dal locale il giovane tunisino e poi, insieme ad un altro complice ha inseguito i due ragazzi aprendo il fuoco e uccidendoli.

Il fermo si è reso indispensabile sia per i gravi indizi di colpevolezza raccolti, sia per l’imminente e concreto pericolo di fuga. Mentre le indagini sono adesso volte all’individuazione del complice del 40enne, durante la perquisizione domiciliare a casa del presunto omicida, i militari hanno rinvenuto diverse munizioni da caccia caricate a pallettoni, alcune delle quali compatibili con quelle utilizzate per assassinare i due tunisini.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *