Fermato uno scafista per lo sbarco di 596 migranti nel porto di Catania

Redazione

Catania

Fermato uno scafista per lo sbarco di 596 migranti nel porto di Catania

di Redazione
Pubblicato il Ago 1, 2016
Fermato uno scafista per lo sbarco di 596 migranti nel porto di Catania

La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Catania, sotto il coordinamento della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, hanno posto in stato di fermo di polizia giudiziaria 1 sedicente cittadino di nazionalità sudanese.
L’uomo è gravemente indiziato del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in relazione allo sbarco di 596 migranti di varie nazionalità, giunti presso il Porto di Catania nel pomeriggio di sabato 30 luglio, a bordo della nave della Marina Militare irlandese “James Joyce”.

Gli investigatori della Squadra Mobile della Polizia di Stato e del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza hanno acquisito le prove necessarie all’adozione del provvedimento di fermo nei confronti del cittadino sudanese KAMAL Wael nato in Sudan (cl. 1990). Nell’occasione sono stati sottoposti a sequestro 2 apparati GPS e un telefonino.
Seguendo un consolidato protocollo investigativo, realizzato d’intesa con la Procura Distrettuale, investigatori della Squadra Mobile e del GICO della Guardia di Finanza hanno avviato, con la collaborazione degli interpreti, durante le operazioni di sbarco nel Porto di Catania, le indagini finalizzate all’identificazione degli scafisti.
Kamal Wael è stato individuato quale unico conducente di un barchino in legno di circa 5 metri con a bordo 25 migranti. L’imbarcazione è stata soccorsa nella mattinata di venerdì 29 luglio in acque internazionali dalla nave militare irlandese.
A conclusione delle attività, Kamal Wael è stato rinchiuso presso la locale Casa Circondariale di “Piazza Lanza” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Dal Web


  • Catania

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Catania

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Catania

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Catania

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361