Furto di orologio in aeroporto: fermata una donna rumena

Redazione

Catania

Furto di orologio in aeroporto: fermata una donna rumena

di Redazione
Pubblicato il Mar 21, 2016
Furto di orologio in aeroporto: fermata una donna rumena

Nei giorni scorsi, si presentava negli Uffici della Polizia di Frontiera dell’aeroporto di Catania un passeggero il quale dichiarava di aver subito il furto del proprio orologio durante i controlli di sicurezza.

Nell’immediatezza, il personale dipendente visionate le immagini registrate dal sistema di video sorveglianza presente in quel sito, notava che, mentre il denunziante effettuava i controlli di sicurezza, un’altra passeggera alle sue spalle si impossessava dell’orologio in questione, depositato nella vaschetta portaoggetti, celandolo all’interno della propria borsa. Individuata l’immagine dell’autrice del furto, pur senza conoscerne né le generalità, né la destinazione aerea, sebbene fosse trascorsa circa un’ora dal momento della consumazione del reato, gli operatori di Polizia si recavano ugualmente presso la sala partenze alla ricerca della donna. Dopo diversi tentativi, non andati a buon fine, poiché era in corso l’imbarco del volo C/A Wizzair diretto a Bucarest, si cercava tra i passeggeri ancora in fila all’interno del fingher, ma ancora una volta con esito negativo. Per niente scoraggiati gli agenti operanti facevano un ultimo ed estremo tentativo grazie anche alla collaborazione del comandante dell’aereo, saliti a bordo, cercando tra i passeggeri, ivi presenti, già accomodati presso i propri posti, veniva rintracciata la donna autrice del furto.

La stessa, resasi conto di essere stata scoperta, alla richiesta del personale di questo Ufficio, consegnava l’orologio in questione recuperandolo dall’interno della propria borsa.

Fatta sbarcare dal volo, la passeggera, tale C.M. di 39 anni, di nazionalità rumena, residente a Caltanissetta, veniva deferita in stato di libertà ai sensi degli artt. 625, 625 c.6 del C.P. e contestualmente si procedeva alla riconsegna dell’orologio al legittimo proprietario.


Dal Web


  • Catania

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Catania

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Catania

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Catania

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361