Agrigento

Gdf, trasferito il col. Massimo Sobrà: ufficiale e gentiluomo

Lascia – dopo quattro anni e mezzo – il comando provinciale della Guardia di finanza di Agrigento il colonnello Massimo Sobrà, trasferito a Palermo al comando del Reparto logistico. Sobrà verrà sostituito, nell’attesa della nomina del nuovo comandante provinciale, dal tenente colonnello Fabio Sava che avrà, dunque, un doppio incarico: continuerà, infatti, ad essere a capo del nucleo di Polizia tributaria.

“Sono stati anni intensi – ha detto il colonnello Massimo Sobrà – e ne esco arricchito sotto il profilo dei rapporti umani. E’ stata una esperienza estramamente positiva nei rapporti con le procure della Repubblica, nei rapporti con le altre forze dell’ordine, sotto il coordinamento del prefetto di Agrigento. Ho conosciuto due prefetti, entrambi eccezionali sotto il profilo del coordinamento, con capacità e volontà di fare costantemente squadra fra le forze dell’ordine. Penso che sia stato questo che ci ha permesso di affrontare, nel modo migliore, le varie emergenze che si sono verificate”.

E fra le emergenze, il colonnello Sobrà non ha potuto non ricordare la prima: l’immigrazione: “Le tragedie nel mar Mediterraneo, nel canale di Sicilia, a Lampedusa e poi la gestione dei flussi, ci sono state più rotte e di volta in volta abbiamo dovuto modificare il nostro modo di affrontare le situazioni – ha spiegato il comandante provinciale delle Fiamme gialle di Agrigento –  Se non ci fosse stata la volontà di gestire in sinergia, le difficoltà sarebbero stati maggiori.”

Ma ci sono state, naturalmente, le attività investigative e quelle di polizia giudiziaria.

“E’ un territorio, quello di Agrigento, in cui c’è bisogno di costruire insieme, ciascuna parte della società civile deve partecipare all’opera di miglioramento delle condizioni generali di vita e di lavoro, per consentire ad Agrigento di risollevarsi e cercare di migliorare quelle che sono le condizioni di vita comune. In determinate classifiche, Agrigento è sempre relegata nelle posizioni di retrovia. Con miglioramenti di diverse posizioni, ma non in prima fascia. Ha inciso, certamente, la crisi finanziaria molto dura. Una crisi in un territorio già in sofferenza”.

Il colonnello Massimo Sobrà ha, inoltre, ricordato l’impegno di questi ultimi anni: il contrasto all’economia illegale, sleale, viziata: “Abbiamo privilegiato l’attenzione sul contrasto all’indebita percezione dei contributi. Ci siamo impegnati per dare sì che quelle risorse andassero a chi ne aveva diritto, cercando di colpire chi voleva goderne senza avere i presupposti giuridici. Parallelamente abbiamo effettuato il contrasto al crimine economico finanziario, ai reati societari e fallimentari. S’è reso protagonista il nucleo, con l’operazione “Discount”, che ha realizzato un servizio che stigmatizza la bancarotta fraudolenta e che ha cercato di recuperare i diritti di creditori rimasti insoddisfatti e scoperti per importi notevoli. Ma c’è stato anche il contrasto  sempre più forte ai patrimoni illecitamente costituiti, quelli della criminalità organizzata con sequestri e confische. In ultimo a soggetti colpiti dall’operazione Nuova cupola”. 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top