I poeti agrigentini protagonisti del Caffè letterario “sulla strada della legalità”

I poeti agrigentini protagonisti del Caffè letterario “sulla strada della legalità”

1.191 views
0
SHARE
Foto di gruppo

Dialogo coi poeti
Dialogo coi poeti
Enzo Alessi e una antica rivista
Enzo Alessi e una antica rivista
Enzo Alessi
Enzo Alessi

La poesia ha regnato sovrana nella seconda puntata del Caffè letterario “Sulla strada della legalità” promosso dalla questura agrigentina  sulla terrazza del suo centro balneare a San Leone, presenti il vicequestore Giuseppe Peritore ed il primo dirigente Giovanni Giudice.

Un tocco di grazia poetica che allevia la  severità e il rischio delle azioni poliziesche di tante narrazioni che si prospettano negli undici eventi letterari proposti e che si concluderanno il 2 settembre.

Foto di gruppo
Foto di gruppo
Giuseppina Iacono Baldanza
Giuseppina Iacono Baldanza
I poeti Argento, Setticasi, Vitello e Arrigo
I poeti Argento, Setticasi, Vitello e Arrigo

In questa serata dedicata alla poesia mancava Tonino Butticè segnalato in elenco mentre tutti gli altri presenti, Enzo Argento, Giuseppina Mira, Giuseppina Iacono Baldanza, Vincenzo Patti, Lorenzo Peritore, Francesco Setticasi, Liliana Arrigo, Francesca Vitello, Salvatore Sciortino,  hanno duellato in rima baciata e non.

Ospite d’onore il grande poeta favarese Salvatore Sciortino  energico dicitore dei suoi versi mentre Enzo Alessi, tradizionale conduttore della manifestazione ha doverosamente ricordato tutti gli altri poeti  scomparsi della scena agrigentina, da Russo Alveoli, poeta e illustre interprete di opere pirandelliane ad Antonino Cremona, Alfonso Zaccaria che Leonardo Sciascia segnalò tra i grandi dopo Eugenio Montale, a Luigi Peritore di cui spesso si sono menzionati brani delle sue numerose  prose, a Giudice, a mons. Ginex e a tanti altri di cui Alessi ha  letto alcuni versi.

Salvatore Sciortino
Salvatore Sciortino

Furono anch’essi protagonisti e hanno lasciato traccia indelebile  in vecchie  riviste letterarie che sono state mostrate come “Giornale di poesia siciliana” e “Lumie di Sicilia” che ha ritrovato nuova vita su internet.

Hanno impressionato  per la lettura delle loro poesie il favarese Enzo Patti con una espressività che ricordava l’Ungaretti che in tv, tanti decenni fa, declamava l’Iliade e la Giuseppina Iacono Baldanza che anche quest’anno, come l’anno scorso quando inviava “pizzini arroventati” all’indirizzo di  Messina Denaro,  è riuscita a cesellare con grande slancio civico gli aspetti e i profili più arroganti della casta governante, mettendoli  alla berlina con una satira e una ironia a mezza strada tra Parini e Belli.

I poeti Mira, Patti, Peritore e Baldanza
I poeti Mira, Patti, Peritore e Baldanza
Il cantautore Nenè Sciortino
Il cantautore Nenè Sciortino
La presentatrice Giusy Terrasi
La presentatrice Giusy Terrasi

Manco a dirlo il dialetto siciliano, meglio la lingua siciliana, ha svolto in maniera preminente il suo ruolo.

Prossimo appuntamento il 15 luglio con il romanzo di Salvatore Nocera Bracco “Le ragioni del fuco” e con un altro  libro, “Gli strateghi del male” scritto da  un poliziotto della “catturandi” di cui si  possono pubblicare solo  le iniziali “I.M.D”.

La fotogallery è di Diego Romeo

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *