Imprenditore si tolse la vita, assolto dopo la morte

Imprenditore si tolse la vita, assolto dopo la morte

Condividi

La Corte d’appello di Catania ha assolto ‘post mortem’ l’imprenditore di 61 anni della provincia etnea che il mese scorso si tolse la vita per problemi economici sparandosi un colpo di pistola al cuore, dall’accusa di abuso edilizio nella costruzione di edificio per una abitazione civile. L’immobile che era stato sequestrato assieme ai cantieri per mesi rimasti chiusi. L’uomo, in primo grado era stato condannato assieme ad altri due imputati, oggi assolti anche loro dai giudici d’appello. La Terza Sezione della Corte d’appello ha ribaltato la sentenza di primo grado assolvendo tutti gli imputati con la formula più ampia: perché il fatto non sussiste. Sono stati inoltre disposti il dissequestro e la restituzione del cantiere agli aventi diritto. I giudici sono entrati nel merito delle accuse nonostante il reato fosse ormai prescritto.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *