Catania

Inchiesta Anas: amministrazione giudiziaria per 24 societa

La sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania, accogliendo la proposta della Dda della locale Procura avanzata dopo indagini di carabinieri del Ros di Catania, ha disposto per sei mesi l’amministrazione giudiziaria di 24 societa’ consortili controllate da Tecnis Spa, Artemis Spa e Cogip Holding Srl. Queste ultime tre societa’, riconducibili agli imprenditori Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice, indagati nell’ambito delle inchieste ‘Dama Nera 1 e 2′ della Procura di Roma su presunti tangenti all’Anas, sono in amministrazione giudiziaria dal 12 febbraio scorso. I due imprenditori indagati per turbativa d’asta e corruzione sono tornati in liberta’ il 22 marzo scorso: erano agli arresti domiciliari dal 22 ottobre del 2015. Militari dell’Arma della sezione anticrimine del Ros di Catania stanno eseguendo la misura cautelare. Le 24 societa’ sono state costituite da Tecnis, Artemis e Cogip, assieme a altre due aziende che hanno quote minoritarie, per eseguire lavori di appalti pubblici che si erano aggiudicati per milioni di euro in tutta Italia.

Il provvedimento, spiega la Procura di Catania in una nota, e’ motivato dal fatto che “le decisioni imprenditoriali” delle 24 aziende consortili “erano sostanzialmente rimesse agli organi direttivi delle societa’ che le avevano costituite”, la Tecnis, l’Artemis e la Cgip Holding, che erano state “sottoposte ad amministrazione giudiziaria nel febbraio scorso”. Le tre societa’ capogruppo sono accusate di “agevolare oggettivamente esponenti di Cosa nostra, sottoposti a procedimento penale per associazione mafiosa ed estorsione e sottoposti a misure di prevenzione”. “Il provvedimento – sottolinea il procuratore Michelangelo Patane’ – avendo a oggetto societa’ delle quali la Tecnis e la Cogip Holding possono disporre, direttamente o indirettamente, per lo svolgimento delle loro attivita’ di impresa, peraltro, consentira’ all’amministratore giudiziario anche di avviare con maggiore celerita’ ed efficienza le attivita’ del gruppo imprenditoriale salvaguardando l’occupazione e le ragioni dei creditori”. Le societa’ sottoposte per sei mesi alla misura dell’amministrazione giudiziaria, eseguita da carabinieri del Ros, sono: Consorzio Stabile Uniter, Salerno Porta Ovest, Cuma, Medio Sarno, Nord Sud, Salaria, San Marco, San Quirico, Spoleto, Ternirieti, Tiburtina, Calata Bettolo, Metro Catania, Gubbio, Sangro, Cogip Infrastrutture, Gestioni immobiliari, Gardenia, Immobiliare Monte dei Cocci, Ospedale della Piana Gioia Tauro, Ospedale della Sibartide, Marina di Naxos, Porto turistico Marina di Ragusa e Risanamento San Berillo.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top