Infrastrutture: stop a licenziamenti, avanti su Palermo-Agrigento

Redazione

Ultime Notizie

Infrastrutture: stop a licenziamenti, avanti su Palermo-Agrigento

di Redazione
Pubblicato il Lug 31, 2017
Infrastrutture: stop a licenziamenti, avanti su Palermo-Agrigento

Prorogati per tutto il mese di agosto i 17 contratti a tempo determinato per gli operai della Bolognetta spca impegnati nelle opere di ammodernamento del tratto stradale Bolognetta-Lercara, sulla Palermo-Agrigento. Dopo mesi di battaglie e di scioperi dei 101 lavoratori, l’ultimo stamattina, con il presidio davanti alla sede dell’azienda, i sindacati degli edili incassano un primo risultato. Scongiurato i licenziamenti con la proroga dei contratti scaduti oggi, restano da sciogliere i nodi che frenano la realizzazione dell’opera, per la quale si profila il rischio incompiuta. L’opera ha gia’ accumulato ritardi per quasi un anno. “Stamattina abbiamo ottenuto un risultato importante ma permangono grosse difficolta’ per la realizzazione di quest’opera – dicono per Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastra – L’azienda ci ha rappresentato i problemi del cantiere, spiegando che su 80 milioni di euro resterebbe una disponibilita’ di spesa di 20 milioni. Parte della somma e’ infatti incagliata in una perizia di variante: se entro settembre non si procede, si riproporra’ il problema degli esuberi. I nodi vanno affrontati immediatamente, occorre un confronto presso l’assessorato alle Infrastrutture con Anas, la Regione e la stessa azienda. L’Anas ha fornito altre cifre, ha parlato di 100 milioni di euro di opere da cantierizzare. Vanno chiarite queste divergenze di cifre tra Anas e azienda”. In mancanza dell’approvazione della perizia, una parte dei lavori rimarrebbe incompleta e i tempi del cantiere si allungherebbero ancora. Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastra esprimono preoccupazione: “I lavoratori del settore edile non possono sopportare altri licenziamenti ne’ il territorio puo’ reggere l’agonia dell’opera. E’ un cantiere che non si puo’ fermare, sia per il dato occupazionale che rappresenta che per l’intero comprensorio, che sta soffrendo enormi disagi alla circolazione”. A fine mattinata assemblea dei lavoratori. Gli operai tornano al lavoro dopo lo sciopero, ma resta in piedi lo stato di agitazione, con la possibilita’ di altre manifestazioni.

Loading…


Dal Web


  • Ultime Notizie

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Ultime Notizie

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Ultime Notizie

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Ultime Notizie

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361