Intimidazione a Fava, tanti i messaggi di solidarietà

Redazione

Commenti

Intimidazione a Fava, tanti i messaggi di solidarietà

di Redazione
Pubblicato il Ott 8, 2018
Intimidazione a Fava, tanti i messaggi di solidarietà

Questa mattina, una busta contenente un proiettile calibro 7,65  è stata recapitata al presidente della Commissione antimafia presso l’Assemblea regionale siciliana, on. Claudio Fava.

Tanti messaggi di solidarietà.

“Al presidente Fava va la convinta solidarieta’ e la vicinanza del governo regionale. Episodi di intimidazione grave come questo vanno condannati, senza tentennamenti. Evidentemente c’e’ ancora chi pensa che con le minacce si possa cambiare il corso delle cose”, dichiara in una nota il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Il capogruppo di Forza Italia all’ARs, on. Giuseppe Milazzo, nel condannare il vile gesto, dichiara: “Un episodio del genere, ai danni di un Rappresentante delle Istituzioni sul territorio è inaccettabile. Ribadisco la mia piena vicinanza al deputato e collega Fava, augurandogli di continuare al meglio nel lavoro che la Commissione da lui presieduta sta svolgendo. È questa la migliore risposta all’increscioso gesto intimidatorio che mortifica tutti i siciliani onesti”. 

“A Claudio Fava va la solidarietà mia personale e quella del gruppo PD all’Ars”. Lo dice Giuseppe Lupo, capogruppo del PD. “Saranno le Forze dell’ordine e la magistratura a far luce su un episodio che inquieta ma che – aggiunge Lupo – siamo certi, non interferirà con il lavoro importante e delicato che Fava sta portando avanti all’interno del Parlamento regionale”.

Anche il gruppo parlamentare del M5S all’Assemblea regionale siciliana esprime solidarieta’.  “Siamo certi – aggiungono i deputati – che il presidente dell’Antimafia regionale non si lascera’ intimidire da questo vile gesto”. 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04