Intimidazione a Niscemi: sindaco: “Pronto a lasciare”

Intimidazione a Niscemi: sindaco: “Pronto a lasciare”

0
SHARE
Il sindaco di Niscemi, La Rosa

Il sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, (ex centro-destra dichiaratosi indipendente), ha annunciato la sua disponibilita’ a dimettersi dopo l’ennesima intimidazione subita dai componenti della sua giunta. Sconosciuti hanno sparato, ieri sera, sette colpi di pistola contro l’automobile dell’assessore alla manutenzione, all’igiene e ai servizi cimiteriali, Giuseppe Giugno, di 40 anni, parcheggiata sotto casa, in via Borsellino, a un centinaio di metri dalla caserma dei carabinieri. “Se qualcuno pensava di intimidirci con gli attentati a me, agli assessori Attardi, Meli e Giugno – ha dichiarato il sindaco – ebbene c’e’ riuscito. Se c’e’ chi non ci vuole alla guida di questa citta’ ce lo faccia sapere: io e i miei collaboratori siamo pronti a dimetterci. E’ ora che lo Stato si svegli e che si prenda cura di Niscemi, le cui grida di dolore sono rimaste per troppo tempo inascoltate”. Nei mesi scorsi, al sindaco hanno avvelenato i due cani che teneva nella sua casa di campagna, all’assessore Carlo Attardi (lavori pubblici e urbanistica) hanno fatto trovare una bottiglia incendiaria davanti al portone, al vicesindaco, Giuseppe Meli, assessore agli affari generali, cultura e legalita’, hanno danneggiato l’auto, e ieri sera i colpi di pistola all’auto di Giuseppe Giugno che e’ il braccio destro di La Rosa. Carabinieri e polizia stanno indagando anche su quest’ultimo episodio. Per il sindaco, “il movente di tante intimidazioni e’ l’attivita’ amministrativa di questa giunta, che si costituisce parte civile ai processi contro vertici e gregari delle cosche mafiose e che fa della legalita’ e della trasparenza la propria bandiera”. Il consiglio comunale, pur essendo composto a maggioranza da consiglieri dell’opposizione, nei giorni scorsi, ha approvato quasi all’unanimita’ un documento di solidarieta’ alla giunta e di appello ai governi nazionale e regionale.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY