Agrigento

Intitolato, sulla S.S. 640, viadotto a giudice Antonino Saetta e figlio Stefano (vd e ft)

Ricordati questa mattina il presidente di Corte d’Assise d’Appello Antonino Saetta ed il figlio Stefano uccisi il 25 settembre 1988 in un cruento agguato di mafia. Alle 9, a Canicattì, per iniziativa delle Associazioni “Amici del giudice Rosario Angelo Livatino” e d’impegno civico antimafia per la legalita’ “Tecnopolis”, l’omaggio floreale alla tomba Saetta presso il cimitero.
Poi funzione religiosa nella chiesa San Diego, sempre a Canicattì, organizzata dall’amministrazione comunale per il 29esimo anniversario. A seguire cerimonia d’inaugurazione del “viadotto Giudice Saetta” da parte dell’Anas sulla strada statale 640 “degli scrittori, omaggio alla “Stele Saetta” e apertura al traffico di altri 8,5 chilometri del nuovo tracciato a quattro corsie, due per ogni senso di marcia, dell’importante arteria che consentirà, una volta completata, di raggiungere da Agrigento e Caltanissetta l’autostrada Palermo-Catania.

Alla manifestazione di oggi sono intervenuti tra gli altri i familiari del magistrato, la vedova Gina Pantano ed i figli Gabriella e Roberto Saetta, le massime autorità ed istituzioni provinciali. Sono intervenuti ii Prefetti di Caltanissetta e Agrigento, Maria Teresa Cucinotta e Nicola Diomede, Maria Giovanna Romeo, presidente vicario della Corte di Appello di Caltanissetta, Sergio Lari, procuratore generale a Caltanissetta, Fernando Asaro, presidente della sezione distrettuale dell’Anm, Gioacchino Natoli, capo dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi del Ministero della Giustizia e il consigliere di amministrazione di Anas, Francesca Moraci.il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto e Canicattì, Di Ventura.



Si concludono cosi’ le iniziative 2017 tra Canicatti’, Agrigento e Caltanissetta della “Settimana della Legalita’ Giudici Saetta Livatino” organizzate da “Amici del Giudice Rosario Angelo Livatino”, associazione d’Impegno Civico Antimafia per la Legalita’ “Tecnopolis” e dall’Ufficio di postulazione per la causa di Canonizzazione di Rosario Angelo Livatino – servo di Dio che hanno ottenuto la “Medaglia del Presidente della Repubblica” quale solenne segnale esteriore dell’Adesione del Capo dello Stato. Il 3 ottobre a Messina, presso la Falcolta’ di Giurisprudenza, alle 17, avverra’ la consegna dei “Pro Bono Iustitiae” e “Pro Bono Veritas” in memoria del Giudice Livatino a Magistrati e componenti della Societa’ Civile impegnati sul fronte della Legalita’, Giustizia, Fede e Carita’.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

Grandangolo Agrigento il sito di notizie, attualità, cronaca, mafia della provincia di Agrigento e della Sicilia Direttore: Franco Castaldo E-mail: GRANDANGOLOAGRIGENTO@GMAIL.COM

Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361

To Top