Killer dovevano uccidere ma pistola si inceppa: due arresti

Killer dovevano uccidere ma pistola si inceppa: due arresti

217 views
0
SHARE

Dovevano uccidere, ma la loro vittima e’ rimasta solo ferita perche’ la pistola si e’ inceppata. E’ la ricostruzione di un tentato omicidio di camorra che ha portato i carabinieri a notificare nel Napoletano due misure cautelari emesse dal gip partenopeo a due affiliati al clan Veneruso, attivo tra Casalnuovo e Volla. Arrestati Emanuele Esposito, 21 anni, e Salvatore Rea, 35 anni, entrambi gia’ noti alle forze dell’ordine, attualmente agli arresti domiciliari nell’ambito di un’altra inchiesta. Le accuse sono di tentato omicidio in concorso e porto abusivo di arma da fuoco, reati con l’aggravante delle finalita’ mafiose. Le indagini sono partite il 3 settembre 2014 a Casalnuovo di Napoli, dopo il tentato omicidio di Romano Giovanni Gallucci, 20enne affiliato al clan Gallucci-Piscopo di Acerra. I due hanno teso un agguato al 20enne sotto casa sua, ma l’inceppamento della pistola usata gli ha permesso di salvarsi. I Veneruso volevano cosi’ riaffermare il controllo del traffico di stupefacenti a Casalnuovo.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *