La mamma di Teresa Costanza: “Giosuè ha tormentato mia figlia e Trifone...

La mamma di Teresa Costanza: “Giosuè ha tormentato mia figlia e Trifone per un mese”

Condividi
Teresa Costanza e Trifone Ragone

“Ci deve spiegare prima di tutto perche’, per un mese, ha tormentato Teresa e Trifone con il falso profilo facebook. Anziche’ chiedere scusa ha mentito e continuato a mentire, covando odio contro Trifone e Teresa. Questo ci deve spiegare, non baggianate. Ora dice ‘eravamo amici’, intanto poche ore dopo la loro morte davanti ai Carabinieri disse che Trifone faceva entrare in casa donne conosciute su internet e nei locali. Sicuramente e’ questa l’origine dell’omicidio. Da poche ore dopo l’omicidio e’ iniziato un depistaggio condotto in modo scientifico, da vero militare. Questo ci deve spiegare. Non le chiacchiere”. Cosi’ Eleonora Ferrante, la mamma di Trifone, rivolta a Giosue’ Ruotolo, accusato di aver ucciso suo figlio e la sua fidanzata. Commentando le dichiarazioni spontanee rese in aula da Ruotolo, Ferrante ha aggiunto: ”Le immagini piu’ brutte di Trifone e Teresa sono quelle all’interno dell’auto. Hanno gli occhi come due vetri, spalancati, e questo sangue versato. Sono stati massacrati. Siamo stati noi poi a piangere i nostri morti”. A definire le dichiarazioni di Ruotolo come ”assolutamente irrilevanti” e’ stato anche l’avvocato Carla Sgarito, legale dei genitori di Teresa Costanza. ”Non si e’ discolpato con delle disposizioni giuridiche. Si e’ limitato a dire che lui ha dichiarato inizialmente di non essere li’ per superficialita’. Ecco, credo che di fronte all’omicidio di due ragazzi, che lui conosceva molto bene, il termine superficialita’ non puo’ passare. Se ha mentito evidentemente ci sono altre questioni sotto che dovranno essere discusse nel processo”

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *