Apertura

Lampedusa, “dammi 200 euro per stare tranquillo”: resta in carcere Cono Cucina

di Redazione
Pubblicato il Nov 26, 2015

E’ stato convalidato l’arresto e dovra rimanere in carcere, l’uomo che i carabinieri avevano arrestato in flagranza di reato, per estorsione aggravata a Lampedusa. Si tratta di Cono Cucina, disoccupato di 43 anni, coinvolto in una inchesta dei carabinieri sull’incendio di alcune autovetture sistemate nel piazzale antistante un autonoleggio dell’isola. Secondo i Militari dell’Arma  il quarantatreenne, all’indomani del rogo, ha avvicinato il titolare e gli ha chiesto “per stare tranquillo” 200 euro e per questo al momento della consegna del denaro  e’ scattato l’arresto. Cucina, si trova in carcere ad Agrigento e lì dovrà rimanere a seguito della decisione del Gip, Alessandra Vella, del Tribunale di Agrigento, che ha ha confermato la custodia cautelare in carcere per il lampedusano.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361