Libero Consorzio Comunale di Agrigento: lavori in vista per due scuole della provincia

Redazione

Agrigento

Libero Consorzio Comunale di Agrigento: lavori in vista per due scuole della provincia

di Redazione
Pubblicato il Dic 13, 2017
Libero Consorzio Comunale di Agrigento: lavori in vista per due scuole della provincia

Continua senza soste l’impegno del Libero Consorzio Comunale di Agrigento per potenziare e migliorare gli istituti scolastici della provincia. Con decreto n. 607/2017 del MIUR (“Ripartizione del fondo di cui all’articolo 25, commi 1 e 2-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, in favore delle Province e Città metropolitane”) sono stati infatti ammessi a finanziamento due importanti progetti esecutivi.  Si tratta dei progetti relativi al completamento del corpo auditorium del Liceo Scientifico “Enrico Fermi” di Sciacca, per un importo di 4.600.000,00 euro, e del lotto funzionale A e B dell’Istituto Tecnico Commerciale “Zappa” di Campobello di Licata, importo di 4.993.950,00 euro.
Soddisfatto il Commissario Straordinario del Libero Consorzio dr. Giuseppe Marino, che sottolinea come, nonostante le gravi difficoltà di bilancio in cui versa da anni l’ex Provincia, l’impegno e la grande professionalità dei tecnici del Settore Edilizia Scolastica abbiano consentito di ottenere questo risultato, del quale beneficerà una parte importante della popolazione scolastica.
Le gare d’appalto dovranno essere bandite entro dodici mesi, e con i ribassi d’asta saranno finanziati altri quattro progetti redatti dai tecnici del Settore Edilizia Scolastica, relativi a lavori di manutenzione straordinaria degli istituti Liceo “Linares” di Licata, IPIA “Miraglia” di Sciacca, Liceo “Politi” di Agrigento e ITC “Federico II” di Naro, per complessivi 1.300.000,00 euro.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04