Licata, cocaina e prostitute in un locale: arriva la prescrizione dei reati

Redazione

Licata

Licata, cocaina e prostitute in un locale: arriva la prescrizione dei reati

di Redazione
Pubblicato il Dic 13, 2017
Licata, cocaina e prostitute in un locale: arriva la prescrizione dei reati

Decadono le accuse di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione in locali notturni di Licata, accuse che avevano coinvolto gli imputati di un processo in corso davanti ai giudici del Tribunale di Agrigento e che vengono cancellate in sostanza con la prescrizione. Coinvolti nell’inchiesta che ha portato poi al dibattimento procesusale sono: Mario Zirafi, 46 anni, ritenuto dagli investigatori la figura chiave, originario di Licata, Elisabetta Aorna, 46 anni di Catania, Antonio Boccadoro, 46 anni, di Misterbianco, Miloud Akil, 35 anni, marocchino, ma residente a Licata, Arcangelo Torregrossa, 54 anni di Licata, Michelangelo Saporito, 49 anni, di Caltanissetta, Gicu Radu, 38 anni, romeno, ma residente a Licata e Salvatore Spiteri, 36 anni, licatese.

Secondo le accuse sarebbe stato proprio Zirafi a organizzare un presunto giro di squillo in un locale con le ragazze, di varia nazionalità, che gli avrebbero consegnato una percentuale degli incassi. Attraverso le intercettazioni l’inchiesta avrebbe fatto emergere anche una presunta attività di spaccio di cocaina da parte degli imputati che dovevano rispondere, a vario titolo di detenzione ai fini di spaccio di droga e sfruttamento della prostituzione.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04