Apertura

Licata, Guardia di finanza sequestra immobile abusivo nella “Cala del sole”

di Redazione
Pubblicato il Apr 16, 2016
Licata, Guardia di finanza sequestra immobile abusivo nella “Cala del sole”

I finanzieri della Sezione Operativa Navale di Licata, nel corso di una operazione finalizzata al contrasto del lavoro nero ed irregolare, si sono imbattuti in un abuso edilizio compiuto all’interno della struttura del porto turistico di Licata, denominata Marina di 13, in prossimità della foce del fiume Salso, dove hanno sottoposto a sequestro uno scavo di circa 380 metri quadri ed un massetto in calcestruzzo, base per la realizzazione di una grande piscina.

L’opera, infatti, realizzata da un concessionario dichiarato decaduto con provvedimento dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, era stata eseguita senza le previste autorizzazioni dell’Agenzia del Demanio, in violazione della normativa prevista dal Codice della Navigazione. Il sequestro conferma l’altissima attenzione della Guardia di Finanza nella tutela del patrimonio paesaggistico e dell’ambiente, ad esclusivo beneficio dell’intera collettività che non può tollerare compressioni al diritto sancito nella Carta Costituzionale.

Per questo i finanzieri erano già intervenuti nella stessa zona del porto turistico, nel marzo dello scorso anno, procedendo al sequestro di un immobile.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361