Licata, Panepinto: “Condannare la violenza”

Licata, Panepinto: “Condannare la violenza”

404 views
0
SHARE
Giovanni Panepinto

”Quanto accaduto a Licata è gravissimo e inaccettabile: un abbraccio al sindaco Angelo Cambiano e la mia piena solidarietà alla sua famiglia. La città sta vivendo una fase drammatica: da una parte la legittima attività della magistratura che non fa altro che applicare la legge e far rispettare l’autorità dello Stato, dall’altra una situazione complessa, un groviglio di interessi, malaffare, ingenuità e la stratificazione di situazioni irrisolte”. Lo dice Giovanni Panepinto, vicepresidente del gruppo Pd all’Ars e sindaco di Bivona (Agrigento), dopo l’intimidazione nei confronti del sindaco di Licata, comune nel quale si sta portando avanti un piano di demolizioni di case abusive. Panepinto ha chiesto al presidente della commissione Territorio e Ambiente dell’Ars di convocare, alla presenza dell’assessore al Territorio Maurizio Croce e del presidente della Regione Rosario Crocetta, una seduta della commissione dedicata a quanto sta accadendo nel paese dell’agrigentino. ”La violenza subita dal sindaco e dai suoi familiari va condannata innanzitutto da chi oggi sta protestando contro le demolizioni, altrimenti non ci saranno neppure le condizioni per discutere del problema” ha aggiunto. ”Chi protesta sapeva bene che alzando un muro si sarebbe violata consapevolmente la legge e al tempo stesso ci sono diversi risvolti da esaminare, come ad esempio quello dei costi e della lentezza della burocrazia – evidenzia Panepinto – Il costo delle demolizioni è a carico degli abusivi, ma è il Comune a dover provvedere alle anticipazioni. Insomma la situazione è difficile a Licata come a Palma di Montechiaro o in tante altre realtà siciliane, ma non si possono lasciare soli i sindaci”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *