Licata, rifiuti lasciati fuori da cassonetti vuoti: appello del sindaco Cambiano

Redazione

Licata

Licata, rifiuti lasciati fuori da cassonetti vuoti: appello del sindaco Cambiano

di Redazione
Pubblicato il Ago 5, 2016
Licata, rifiuti lasciati fuori da cassonetti vuoti: appello del sindaco Cambiano

In considerazione delle difficoltà registrate nella gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani per cause assolutamente indipendenti dalla volontà dell’Amministrazione comunale, il Sindaco Angelo Cambiano, consapevole del fatto che un ruolo preminente per poter meglio affrontare la situazione lo assume ogni singolo cittadino, a cui chiede massima disponibilità a collaborare attivamente, ha rivolto questo ennesimo appello.

<<Così come ho già avuto modo di fare in passato in tema di gestione dei rifiuti sia sotto l’aspetto della raccolta che dello smaltimento – sono le testuali parole del Sindaco – ancora una volta mi vedo costretto a rivolgermi ad ogni singolo cittadino perchè collabori attivamente con l’Amministrazione comunale, alla quale va riconosciuto il merito, indiscutibile, di avere fatto ogni sforzo possibile per tenere sempre sotto controllo la situazione igienico-sanitaria dell’intero territorio comunale, nonostante le difficoltà derivanti dalla mancanza di un’adeguata discarica in cui conferire i rifiuti solidi urbani, mentre in tante altre città e paesi siciliani, la spazzatura l’ha fatta proprio da padrone.

Per quanto ci riguarda direttamente, va evidenziato che in diverse zone della città sono stati posizionati numerosi cassonetti, regolarmente muniti di sistema sistema a pedale per l’apertura del coperchio. Ebbene, a seguito di appositi controlli effettuati dai Vigili Urbani, è stato accertato che nonostante i cassonetti fossero vuoti e regolarmente chiusi, “i “soliti incivili” hanno abbandonato sacchetti e i contenitori con i rifiuti a terra. Questo non è assolutamente plausibile ed accettabile da un’Amministrazione che si sta prodigando per migliorare il decoro e la vivibilità della città. Poche persone incivili e maleducate non possono offendere la dignità e la civiltà di tutta la parte sana della comunità licatese. A carico di quei pochi incivili e maleducati, sin d’ora preannuncio che saranno elevate pesanti sanzioni, grazie all’installazione di telecamere, così come già fatto in altri posti.

Inoltre, allo scopo di invogliare tutti i nostri concittadini ad essere rispettosi delle regole,conclude il capo dell’esecutivo, Angelo Cambiano – stiamo predisponendo un’apposita campagna di sensibilizzazione, che pensiamo di denominare “” Scendi dall’auto e schiaccia il pedale in considerazione del fatto che chi non sa va informato, e chi non è educato va educato, affinchè, tra il provocatorio e l’incitamento, si riesca ad ottenere il risultato delle “buone pratiche” e vincere la sfida a nome di tutti i cittadini di buon senso>>.

Si ricorda, infine, che il deposito dei rifiuti solidi urbani negli appositi cassonetti, durante la stagione estiva, è consentito soltanto dalle ore 20,00 alle ore 24,00 di tutti i giorni, mentre per la differenziata è necessario servirsi degli appositi cassonetti.


Dal Web


  • Licata

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Licata

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Licata

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Licata

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361