Licata, sequestrati mille ricci mare e reti da posta abusiva

Licata, sequestrati mille ricci mare e reti da posta abusiva

0
SHARE

All’alba di ieri, 30 giugno, la nuova motovedetta della Capitaneria di Porto di Licata, la CP 771, unitamente a pattuglia a terra, hanno sequestrato circa 1000 metri di rete da posta abusiva calata illegalmente nelle acque del porto di Licata, e a bordo di un’imbarcazione da diporto intenta a rientrare dalla battuta illegale di pesca.

Contestualmente veniva sorpreso nel tentativo di sfuggirei ai controlli, un licatese, pescatore  abusivo di ricci, con una cassa di circa 1000 esemplari di ricci di mare.

Oltre 6000 euro di verbale amministrativo sono stati elevati ai contravventori, mentre le reti illegali e le attrezzature sono state sottoposte a sequestro. Il pescato, invece, è stato poi ritenuto non idoneo al consumo umano dal servizio veterinario di Licata, mentre i ricci, ancora vivi, sono stati rigettati in mare.

La pesca del riccio di mare è assolutamente vietata per legge nei mesi di maggio e giugno.

Inarrestabile, invece, sembra essere la piaga delle reti da posta abusive calate nel porto. Nei prossimi giorni seguirà un giro di vite sui sequestri delle reti non regolari e sulla pesca illegale.

Potrebbe interessarti:http://www.agrigentonotizie.it/cronaca/sequestro-ricci-mare-reti-licata-30-giugno-2015.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/Agrigentonotizieit/117363480329

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *