Licata, sparò a 2 fratelli ma si difende: “Volevo solo spaventarli”; Gip...

Licata, sparò a 2 fratelli ma si difende: “Volevo solo spaventarli”; Gip concede domiciliari

0
SHARE
Giuseppe Cantavenera

Si è presentato davanti al Gip del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ed ha spiegato le sue ragioni. Così Giuseppe Cantavenera, 47 anni,  il carpentiere licatese arrestato per per aver ferito a colpi di pistola, dopo una lite, i fratelli Ivan e Angelo Brancato, anche loro di Licata, ieri mattina ha dichiarato: “Non avevo alcuna intenzione di uccidere ho sparato solo per spaventarli”.

Ivan Brancato, è il più grave dei due, ha una ferita all’addome ed è stato trasportato in eliambulanza al Civico di Palermo nel reparto di Chirurgia Toracia, mentre il fratello, Angelo è all’ospedale San Giacomo d’Altopasso di Licata.

Cantavenera, carpentiere è stato tratto in arresto mercoledì ed è rinchiuso nella camera di sicurezza della questura di Agrigento. Il licatese ha subito risposto alle domande del Gip ed ha ribadito anche che una volta arrivate le forze dell’ordine è stato lui stesso a consegnare l’arma senza opporre restistenza. Il Gip  Provenzano, sciogliendo la riserva, dopo l’udienza di convalida del fermo, ha disposto la concessione degli arresti domiciliari e l’applicazione del braccialetto elettronico. Il legale di Cantavenera aveva  chiesto la scarcerazione  mentre il pm Maggioni richiede la convalida del fermo dell’indagato e l’emissione di una misura cautelare.

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *