Licata, varata la nuova Giunta comunale

Redazione

IN EVIDENZA

Licata, varata la nuova Giunta comunale

di Redazione
Pubblicato il Nov 9, 2016
Licata, varata la nuova Giunta comunale

Nella tarda mattinata odierna il sindaco di Licata Angelo Cambiano ha nominato i nuovi componenti la Giunta Municipale.

Questo l’elenco degli assessori chiamati a far parte della Giunta:

1) Davide La Giglia, architetto;

2) Adriano Damanti, architetto;

3) Annalisa Cianchetti, ispettore capo in quiescenza della Polizia di Stato;

4) Giovan Battista Maria – detto Luigi – Cellura, commercialista;

5) Daniele Vecchio, avvocato (confermato);

6) Vincenzo Ripellino, funzionario Asp (confermato).

Tutti gli assessori hanno già prestato giuramento alla presenza del segretario generale, Giovanna Italiano,  e, successivamente il sindaco ha così assegnato   le deleghe:

1) Vecchio Daniele  – vice sindaco ed assessore ai  Rapporti con le istituzioni – politiche giovanili – promozione iniziative a favore del turismo – attività culturali e di spettacolo – servizi legali – trasparenza – immigrazione –  comitati di quartiere – gestione rifiuti solidi urbani – politiche sociali;

2) Ripellino Vincenzo: Personale comunale – Polizia municipale – contrasto al randagismo – sistemi informativi e telecomunicazioni – trasporti e viabilità – beni culturali e archeologici – depuratore comunale – risorse idriche – problematiche ambientali;

3)  Cianchetti Annalisa: Politiche scolastiche – politiche di genere e pari opportunità – attività sportive – educazione alla legalità – associazionismo – abbattimento barriere architettoniche  – protezione civile;

4) La Giglia Davide: Urbanistica  e gestione del territorio – spiagge – servizi cimiteriali – manutenzione  – servizi alla città – verde e spazi pubblici – patrimonio  comunale;

5) Damanti Adriano: Programmazione progettazione realizzazione opere pubbliche, edilizia scolastica,  edilizia sportiva, edilizia residenziale,  edilizia popolare,  edilizia turistico – alberghiera;

6) Cellura Luigi Giovan Battista Maria: Risorse finanziarie – bilancio e programmazione economica – finanziamenti europei – riscossione tributi comunali –  sviluppo attività produttive

Oltre a nominare la Giunta, il Sindaco  ha preso atto e accolto, la disponibilità, di due cittadini licatesi, l’architetto Pietro Meli, presidente dell’Associazione Archeologica Licatese, già direttore scientifico del Museo Civico Archeologico Licatese, e il dottor Gino Pira, di 28 anni laureato, operatore sul territorio nell’organizzazione di manifestazioni culturali legate alla musica live e, in generale al mondo dell’arte.

I due parteciperanno, a titolo gratuito e senza investitura formale, alla vita politica – amministrativa della città, mettendo a disposizione del sindaco e della giunta la loro competenza professionale e la loro esperienza.


Dal Web


  • IN EVIDENZA

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • IN EVIDENZA

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • IN EVIDENZA

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • IN EVIDENZA

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361