Lite finisce in tragedia, giovane accoltella vicino di casa

Redazione

Cronaca

Lite finisce in tragedia, giovane accoltella vicino di casa

di Redazione
Pubblicato il Feb 6, 2016
Lite finisce in tragedia, giovane accoltella vicino di casa

Una lite per futili motivi si è trasformata in tragedia a Trapani, dove un uomo di 59 anni, l’assicuratore, Antonino Aleo è stato accoltellato alla gola da un vicino di casa, un 19enne incensurato, arrestato per tentato omicidio.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, fornita dai carabinieri che indagano sulla vicenda, il giovane sarebbe intervenuto per difendere il fratello minore. Ieri sera, infatti, la vittima, che vive al piano terra di uno stabile in viale Regione siciliana, aveva accusato il vicino di casa, un ragazzo di 17 anni, fratello dell’arrestato, di gettare continuamente rifiuti nel cortile della propria abitazione. La discussione tra i due sarebbe rapidamente degenerata e l’uomo avrebbe aggredito il giovane, che, impaurito, ha iniziato a chiedere aiuto e a gridare. E’ stato a quel punto che il fratello 19enne, in preda alla collera, ha afferrato un grosso coltello da cucina e si è precipitato in cortile per difendere il fratello. Senza pensarci due volte ha sferrato un colpo alla gola del 59enne, che è caduto al suolo con una vistosa ferita al collo, e poi si è dato alla fuga con l’arma facendo perdere le proprie tracce. I carabinieri lo hanno rintracciato poco dopo a casa della nonna. Il ferito, invece, immediatamente soccorso, è stato trasportato dal personale del 118 al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Antonio Abate e operato d’urgenza. Attualmente si trova ricoverato in rianimazione in prognosi riservata e in pericolo di vita. Il giovane, invece, è stato arrestato e condotto al carcere San Giuliano.


Dal Web


  • Cronaca

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Cronaca

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Cronaca

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Cronaca

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361